lunedì, Luglio 15, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Allarme in Brasile, oltre il 90% delle specie di mammiferi rischia di scomparire entro il 2060

AGI – Il bioma brasiliano semi-arido di Caatinga potrebbe perdere oltre il 90% delle specie di mammiferi entro il 2060. A lanciare l’allarme lo studio coordinato dei ricercatori brasiliani dell’Università Statale di Campinas e dell’Università Federale di Minas Gerais Uno, pubblicato sulla rivista Global Change Biology. Gli effetti del cambiamento climatico su Caatinga, il bioma di arbusti semiaridi e foreste spinose della regione nordorientale del Brasile, saranno catastrofici per la maggior parte delle specie di mammiferi terrestri che vi vivono.

Le stime dei ricercatori prevedono la perdita del 91,6% delle specie presenti nel Caatinga e la scomparsa di habitat per l’87%, entro il 2060. “Questo è lo scenario migliore, che presuppone che l’umanità mantenga le promesse fatte nell’Accordo di Parigi, riduca le emissioni di gas serra e rallenti il ritmo del riscaldamento globale previsto per i prossimi decenni”, ha dichiarato Mário Ribeiro de Moura, ricercatore presso l’Istituto di Biologia dell’UNICAMP, autore corrispondente dell’articolo e coordinatore dello studio.

I ricercatori hanno incrociato i dati delle ultime proiezioni sulle temperature future pubblicate dall’IPCC, il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico, con i dati di presenza dei mammiferi terrestri nel Caatinga. Inoltre, hanno utilizzato diversi modelli statistici per cogliere la tolleranza fisiologica delle specie al clima attuale e agli scenari futuri di cambiamento climatico. Secondo l’IPCC, la temperatura media nelle zone aride del Sud America aumenterà fino a 2,7 °C entro il 2060 e la stagione secca si allungherà fino a 21 giorni consecutivi di siccità.

Dato che gli animali impiegano migliaia o milioni di anni per adattarsi a cambiamenti così drastici, i modelli suggeriscono che solo poche specie, tra cui armadilli, aguati e cervi, tutti mammiferi di grandi dimensioni, troveranno in futuro aree con un clima adatto alla loro sopravvivenza. I primati, invece, perderanno habitat. Le specie più piccole, i cui adulti pesano meno di 1 kg, che comprendono il 54% dei mammiferi del Caatinga, saranno quelle che ne faranno maggiormente le spese.

Dodici specie, pari al 12,8% del totale, perderanno completamente il loro habitat entro il 2060 nello scenario migliore e 28, il 30%, entro il 2100 nello scenario peggiore. Tra i roditori e i marsupiali più colpiti ci saranno l’opossum gracile agile, noto sotto il nome scientifico di Gracilinanus agilis, il topo rampicante dalla coda lunga, noto come Rhipidomys mastacalis, e il topo spinoso dell’Atlantico dal muso bianco, conosciuto come Trinomys albispinus.

“L’omogeneizzazione biotica, in cui comunità vegetali precedentemente distinte diventano progressivamente più simili, si verificherà nel 70% degli assembramenti di mammiferi, con poche specie generaliste che sopravviveranno, mentre gli specialisti più rari perderanno aree idonee alla loro sopravvivenza e si estingueranno localmente –  ha affermato de Moura -. Ciò comporterà una perdita di funzioni ecologiche, come la dispersione dei semi, e l’ecosistema nel suo complesso diventerà meno resiliente”. 

Anche in uno studio precedente, condotto da de Moura e colleghi ha utilizzato modelli statistici e banche dati per prevedere come le piante del Caatinga saranno influenzate dal cambiamento climatico. I risultati annoverano un’omogeneizzazione del 40% degli assemblaggi vegetali, con arbusti ed erbe che sopravvivono meglio di alberi e altre specie legnose.

“Sebbene i mammiferi possano modificare il loro comportamento per sfuggire alle temperature più elevate, le ore del giorno più fresche possono essere utilizzate da molte specie contemporaneamente, con una conseguente maggiore competizione per le risorse, che influirà anche sulle loro possibilità di sopravvivenza”, ha spiegato de Moura. Secondo le previsioni dei ricercatori, la porzione orientale del Caatinga, che contiene la zona di transizione verso il bioma della foresta pluviale atlantica, sarà la più colpita in tutti gli scenari.

Qui, infatti, risiede e vive un maggior numero di specie grazie ai livelli più elevati di umidità provenienti dall’oceano e all’evapotraspirazione della foresta. “Questa è anche la parte del Caatinga con le città più grandi; la deforestazione, il bracconaggio e altre pratiche di lunga data contribuiscono a rendere la situazione ancora più complicata, amplificando potenzialmente gli effetti del cambiamento climatico. Alla luce di questi fatti, è necessario che le previsioni sulla biodiversità siano prese in considerazione e affrontate con politiche socio-ambientali volte alla conservazione e alla tutela della biodiversità di quest’area”, ha concluso de Moura. 

VIRGO FUND

PRIMO PIANO