sabato, Aprile 13, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

PREMIO LVMH 2023 AL BRAND SETCHU DI SATOSHI KUWATA

Lo stilista giapponese, da anni residente in Italia, si è aggiudicato il prestigioso premio riservato ai giovani designer con una collezione ispirata alle tradizioni nipponiche di convivialità

“Mi sono ispirato ai cerimoniali giapponesi – per il tè, i fiori o la calligrafia. Questa è la mia versione: come vestirsi, accessoriare e rendere proprio un capo di abbigliamento”, ha spiegato il designer 38enne, allegro come di consuetudine dopo le recenti sfilate milanesi e la conquista dell’ambito riconoscimento.

Su tre schermi sono state proiettate le sue ‘cerimonie di moda’, mostrando le modelle che indossano gli abiti passo dopo passo, rispettando un preciso rituale. Tutti presentano gli intriganti ritagli che caratterizzano il suo stile, quelle aperture e cinghie posizionate in luoghi inaspettati, offrendo varie opzioni per aprire e chiudere i vestiti e creando capi con molteplici usi.

Il tutto è stato girato su pellicola dal regista Massimiliano Bomba, in stile “vintage”, prima di una fase di montaggio e di trasferimento in video. Non si possono che ammirare i superbi tailleur maschili da donna in denim rosa effetto lino, oi corpetti bianchi smerlati, così come le sahariane coloniali in cotone bianco e gli abiti grembiuli a righe, questa volta maschili.

“Il messaggio nascosto è il benvenuto nell’era dell’IA, anche se voglio che le mie creazioni durino cento anni”, ha spiegato Satoshi Kuwata.

Poche parti della collezione sono state presentate in presenza, ma tutte di grandissimo valore, come un giubbotto biker in pelle nera, realizzato in un unico pezzo completamente zippato sui fianchi; o una maglia a costine che si separa in tre parti. I vestiti erano esposti su tatami. Uno dei suoi abiti concettuali a sacco di lino è stato presentato come pronto per essere arrotolato in un fagotto lungo e stretto, la forma perfetta per contenere una dozzina in un cartone standard.

Non c’è da stupirsi che questa collezione primavera-estate 2024 si chiami “Ceremony of How To”. Satoshi vive e lavora a sud di Milano in questi giorni, anche se – come il suo predecessore Yohji Yamamoto – sogna di poter avere tempo per andare più spesso a pescare, magari sfoggiando uno smoking per uscire in mare aperto alla ricerca del tonno migliore.

“Ho sempre voluto essere elegante per la pesca”, ha concluso il designer, indicando con orgoglio una mezza dozzina di smoking da pesca in lino, esposti anche su tatami.

VIRGO FUND

PRIMO PIANO