venerdì, Maggio 24, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

ATLETA QUEER ESTREMO MIRA A ISPIRARE SCALATORI LGBTQ+ SALENDO AL CAMPO BASE DEL K2

Aidan Hyman si sta confrontando con la sfida della seconda montagna più alta del mondo.

Per la maggior parte della sua vita sportiva, Aidan Hyman ha rappresentato la comunità LGBTQ in gare di resistenza, maratone e triathlon.
Dopo aver dimostrato ripetutamente la sua atleticità e perseveranza a livello del mare, Hyman affronterà una nuova sfida il prossimo mese. Il 17 giugno si unirà a una spedizione alpinistica in Pakistan con l’obiettivo di salire al campo base del K2, la seconda montagna più alta della Terra.
Due giorni dopo l’inizio della spedizione, compirà anche 20 anni. Ciò significa che una volta raggiunto il suo obiettivo, Hyman diventerà il più giovane scalatore queer conosciuto ad aver raggiunto il campo base del K2, che si trova a un’altitudine di 16.896 piedi.
“Imponente” è solo l’inizio per descrivere la sfida che ha di fronte. E gran parte del motivo per cui Hyman l’ha affrontata è perché ha notato una mancanza di rappresentanza LGBTQ in quell’ambiente.
“Mentre mi stavo avvicinando agli sport estremi, non vedevo molti atleti queer e questo mi intimidiva”, ha detto. “È così intenso. Vuoi essere sostenuto dai tuoi compagni di squadra e non avere rappresentanza è sempre stato un po’ deprimente per me”.
Mentre gareggiava in maratone e triathlon sin dall’età di 15 anni, Hyman ha notato che quando stabiliva la sua visibilità come atleta queer dichiarato, ispirava gli altri a seguirlo. Gesti come correre la maratona di Boston con una bandiera Pride hanno aiutato gli altri ad aprirsi e gli hanno fatto capire che li incoraggiava a perseguire i loro obiettivi sportivi.
Il coraggio è contagioso, come dice il motto di Outsports.
Questo è il tipo di risposta che Hyman spera di ottenere quando intraprende la sua spedizione al K2.
“Una delle mie maggiori motivazioni è semplicemente sapere che le mie piccole imprese stanno creando uno spazio per altri atleti queer, per far loro capire che hanno un posto all’aperto e negli sport estremi”, ha affermato.


Seguirà le orme di scalatori LGBTQ come Cason Crane, che ha completato un progetto per salire alla vetta più alta di tutti e sette i continenti nel 2013 al fine di raccogliere fondi e sensibilizzare per il Trevor Project.
Hyman ha conosciuto questa opportunità grazie a un compagno di squadra degli ambasciatori della Maratona di Los Angeles che lo ha presentato all’alpinista Lucy Westlake, la più giovane donna americana ad aver raggiunto la cima dell’Everest. Lei ha parlato a Hyman di un programma in cui portava atleti universitari con esperienza di scalata rilevante in una spedizione al campo base del K2, e lui si è immediatamente entusiasmato.
Nativo di Los Angeles e attualmente studente all’UC Davis nel Nord della California, molte delle spedizioni all’aperto di Hyman si sono svolte nelle catene montuose circostanti i suoi luoghi di residenza. In preparazione alla spedizione al K2, ha seguito un addestramento specializzato supplementare incentrato su metodi di sopravvivenza ad altitudini estreme, gestione del carico dello zaino e tecniche di corda.
Come atleta queer, Hyman non ha mai avuto un momento ufficiale di coming out, ma ha notato che l’ultimo anno di scuola superiore è stato il momento in cui si è sentito a suo agio nel presentare i suoi partner ai suoi amici.
Inizialmente nervoso nell’esprimere la sua vera identità con i compagni di squadra, ha iniziato a notare accettazione e sostegno una volta iniziato a portare bandiere Pride agli eventi.
Quando ha corso la maratona di Boston tenendo una bandiera arcobaleno, Hyman ha visto migliaia di spettatori applaudirlo per quello che era. Quel momento ha sottolineato il suo senso di identità e scopo come atleta queer.
“Ero solo io”, ha riflettuto. “Mi sentivo di non dovermi nascondere”.
Sapendo cosa quel momento significasse per lui come atleta, Hyman si è impegnato a portare una bandiera Pride nella sua spedizione al K2 e ha espresso i suoi piani di scattare una foto srotolandola al campo base. Inoltre, si è associato alla Human Rights Campaign e terrà uno dei loro striscioni di uguaglianza per una foto simile.
Come uno degli atleti per l’uguaglianza della HRC, Hyman sta utilizzando la sua scalata per raccogliere fondi per il programma di benessere giovanile del gruppo di difesa, che aiuta a finanziare centri comunitari, programmi extrascolastici e regimi di salute per i ragazzi LGBTQ. Puoi contribuire alla sua pagina Aidan Climbs.
Naturalmente, portare questi simboli di orgoglio LGBTQ in Pakistan complica le cose. Hyman ha ammesso di provare un po’ di timore a causa delle leggi antigay di quel paese e ha pianificato di nascondere le sue bandiere Pride fino a quando non avrebbe raggiunto la montagna. Tuttavia, ha sottolineato: “A causa di ciò che questa spedizione significa per me, non c’è modo che non la porterò”.
Sebbene il K2 presenti una sfida formidabile e pericolosa, Hyman si è già immaginato completare la sua missione. Prevede di sentirsi “assolutamente al settimo cielo” una volta arrivato al campo base.
“Penso che tutto questo sia molto più grande di me”, ha concluso. “Mentre sicuramente sarà un compimento personale appagante, mostrare agli altri giovani atleti queer che nulla li ferma, che possono avventurarsi all’aperto e perseguire le proprie montagne, penso che sarà una sensazione straordinaria sapere che le persone vedranno questo e ne saranno ispirate”.

VIRGO FUND

PRIMO PIANO