domenica, Marzo 3, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Avvistato un cucciolo di squalo bianco

AGI – Per la prima volta è stato avvistato un cucciolo di squalo bianco. La scoperta, descritta sulla rivista Environmental Biology of Fishes, risale al 9 luglio 2023, quando, nel corso di osservazioni condotte dal regista naturalista, Carlos Gauna e dal dottorando in biologia della UC Riverside, Phillip Sternes, nei pressi di Santa Barbara, sulla costa centrale della California, nel mirino della telecamera del drone è apparso qualcosa di emozionante: un cucciolo di squalo bianco.

 

Gli squali bianchi, i più grandi squali predatori al mondo, che hanno il primato nel numero di attacchi mortali inflitti all’uomo, sono difficili da immaginare come neonati, ciò anche perchè, fino ad ora, nessuno ne aveva mai visto uno in natura. Gli squali bianchi di solito sono grigi in superfice e bianchi nella parte inferiore del corpo. Ma, questo squalo, lungo circa un metro e mezzo, era interamente bianco. “Una volta che abbiamo ingrandito le immagini e messe al rallentatore ci siamo resi conto che lo strato bianco si stava staccando dal corpo mentre nuotava”, ha detto Sternes.

 

“Credo che si trattasse di uno squalo bianco neonato che si liberava del suo strato embrionale”, ha continuato Sternes. Gauna è conosciuto online come l’artista di Malibu. Ha trascorso migliaia di ore a filmare gli squali in tutto il mondo e i suoi video in cui appaiono squali che nuotano vicino ai bagnanti hanno milioni di visualizzazioni. Quanto osservato da Gauna e Sternes potrebbe contribuire a risolvere l’annoso mistero delle abitudini di nascita degli squali bianchi.

 

“Il luogo in cui gli squali bianchi partoriscono è uno dei sacri graal della scienza degli squali”, ha affermato Gauna. “Nessuno è mai riuscito a individuare il luogo in cui nascono, nè si è mai visto un cucciolo di squalo vivo”, ha proseguito Gauna. “Ci sono stati ritrovamenti di squali bianchi trovati privi di vita all’interno di madri incinte decedute, ma niente di simile”, ha sottolineato Gauna.

 

Sebbene gli autori del lavoro riconoscano che è possibile che la pellicola bianca persa dallo squalo sia una condizione della pelle, il duo non crede che sia questo il caso. “Anche in questo caso la scoperta sarebbe monumentale, in quanto non è mai stata segnalata una condizione simile per questi squali”, ha affermato Gauna. Vi sono molte ragioni che fanno credere agli autori di aver visto uno squalo bianco appena nato. Innanzitutto, le femmine di squalo bianco partoriscono cuccioli vivi. Durante l’utero, gli squali embrionali potrebbero nutrirsi di uova non fecondate per ottenere proteine. Le madri offrono ulteriore nutrimento ai cuccioli di squalo in crescita con un “latte” secreto nell’utero.

 

“Credo che quello che abbiamo visto sia stato lo spargimento del latte intrauterino da parte del piccolo”, ha supposto Sternes. Una seconda ragione è la presenza di grandi squali bianchi, probabilmente gravidi, in questo luogo. Gauna li aveva osservati qui negli anni precedenti e nelle settimane antecedenti all’osservazione. “Ho filmato tre squali molto grandi che sembravano gravidi in questo luogo specifico nei giorni precedenti”, ha raccontato Gauna. “Questo giorno, uno di loro si è immerso e non molto tempo dopo è apparso lo squalo bianco”, ha notato Gauna.

 

“Non è azzardato dedurre da dove provenisse il bambino”, ha aggiunto Gauna. In terzo luogo, anche le dimensioni e la forma dello squalo sono indicative di un neonato. Quello che i due hanno osservato era sottile, corto e arrotondato. “A mio parere, questo squalo aveva probabilmente poche ore, forse un giorno al massimo”, ha dichiarato Sternes. Infine, è stato a lungo ipotizzato che questa localita’ al largo della costa della California centrale sia utilizzata dagli squali bianchi come luogo per il parto. “Ci sono molte aree ipotetiche, ma nonostante l’intenso interesse per questi squali, nessuno ha mai visto un parto o un cucciolo in natura”, ha precisato Sternes.

 

“Questa potrebbe essere la prima prova che abbiamo di un cucciolo in natura, rendendo questo un luogo di nascita definitivo”, ha notato Sternes. Molti studiosi ritengono che gli squali bianchi nascano più al largo. Il fatto che questo cucciolo sia stato filmato cosi’ vicino alla riva, a circa 1.000 piedi dalla spiaggia, è significativo poichè indica che probabilmente è nato in acque poco profonde. Gli squali bianchi sono elencati fra le specie internazionale a rischio di estinzione. “Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare che queste acque siano effettivamente un luogo di riproduzione degli squali bianchi, ma se cosi’ fosse, vorremmo che i legislatori intervenissero per proteggere queste acque e aiutare gli squali bianchi a continuare a prosperare”, ha concluso Sternes. 

VIRGO FUND

PRIMO PIANO