venerdì, Marzo 1, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Bruciarono vivo un uomo nel Napoletano, due arresti

AGI – Era ancora vivo, Domenicantonio Vellega, quando il suo corpo fu bruciato all’interno di una Fiat 600 trovata il 3 marzo 2022 dai carabinieri ad Acerra, nel Napoletano. I militari dell’Arma hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Nola a carico di M. M. e F. M., rispettivamente di 39 e 51 anni. I due conviventi devono rispondere di omicidio aggravato.

 

L’uomo, secondo gli investigatori, era stato ridotto in fin di vita all’interno della loro abitazione a Marigliano. Poi i due sospetti lo avevano messo nell’auto che fu data alle fiamme quando la vittima era ancora agonizzante. I due indagati sono ora nell’Istituto penitenziario maschile di Napoli-Poggioreale e in quello femminile di Pozzuoli. 

 

Grazie alle indagini e agli accertamenti tecnico-scientifici, i carabinieri sono stati in grado di escludere l’ipotesi di un suicidio avanzata in prima istanza, nonostante alcuni tentativi degli indagati di sviare le indagini. 

VIRGO FUND

PRIMO PIANO