giovedì, Giugno 20, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

“CAREER GAP STIGMA”: QUANDO LA DISCRIMINAZIONE PASSA PER IL CV

Le donne hanno di norma più probabilità di avere una lacuna nel loro CV rispetto agli uomini e questo le espone a giudizi severi sulle loro ambizioni e competenze sui luoghi di lavoro

È quanto emerge da una recente indagine condotta dall’agenzie di recuitment Applied attraverso un questionario compilato da oltre 2000 candidati.

Le ragioni di un “vuoto” nella carriera, definito come un periodo di assenza dal lavoro di sei mesi o più, variano e vanno dall’assistenza all’infanzia e problemi di salute ai viaggi. Ma poiché le donne sono più propense degli uomini a prendersi del tempo libero a causa della cura dei figli (il 38% delle donne che si è presa un’interruzione di carriera di sei mesi o più ha citato la cura dei figli come motivo, rispetto a solo l’11% degli uomini), si trovano spesso ad affrontare giudizi e domande sui progetti di genitorialità nei colloqui di lavoro, nonostante ciò sia contro la legge.

L’indagine ha evidenziato che a quasi una donna su cinque (18%) è stato chiesto se ha figli o se prevede di averne in futuro nel corso dei vari gradi di colloquio. Tra i senior manager, questo numero è salito a due su cinque (40%).

Il fatto che queste domande vengano ancora poste suggerisce uno stigma persistente legato alle donne che sottraggono tempo al lavoro per motivi di assistenza all’infanzia, ma anche un giudizio sulle lacune professionali nel loro complesso e che vede nella necessità di prendersi una pausa momentanea dal lavoro automaticamente un problema.

Questo nonostante il fatto che molte donne hanno definito positivo il proprio periodo di pausa dalla carriera lavorativa. Il 45% delle donne intervistate, infatti, ha affermato di aver acquisito competenze nuove o trasferibili o di aver migliorato le proprie competenze esistenti, durante il “career gap”.

Khyati Sundaram

“A quasi una donna su cinque è stato chiesto se ha (o prevede di avere) figli durante un processo di reclutamento: questo numero è decisamente troppo alto”, ha dichiarato Khyati Sundaram, CEO di Applied. “Mostra come gli atteggiamenti obsoleti e di genere nei confronti delle responsabilità di assistenza delle donne continuino a fungere da barriere per le donne sul posto di lavoro – e questo non può continuare. Questa inappropriata linea di domande non ha posto nei processi di assunzione etica, in cui le competenze – e non i piani familiari futuri di qualcuno – dovrebbero essere l’unica misura dell’idoneità di qualcuno a ricoprire un ruolo. Per combattere le idee sbagliate antiquate che circondano le interruzioni di carriera e l’assistenza sul posto di lavoro, chiediamo ai datori di lavoro di abbracciare l’equità adottando modelli di assunzione anonimi basati sulle competenze per rimuovere pregiudizi inconsci dal reclutamento e garantire che i candidati con lacune di carriera possano mostrare le loro capacità, non importa dove, come o quando le abbiano acquisite”.

  

VIRGO FUND

PRIMO PIANO