venerdì, Marzo 1, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Corte dell’Aja “eviti genocidio a Gaza” ma non impone il cessate il fuoco

AGI – La massima Corte di Giustizia delle Nazioni Unite ha ordinato a Israele di prevenire “atti di genocidio”, e ha chiesto di limitare morti e danni ai civili, ma non è arrivata a imporre la sospensione dell’operazione militare israeliana nella Striscia di Gaza, richiesta principale del Sudafrica che ha mosso il caso contro Israele per “genocidio”.

 

Israele deve adottare “tutte le misure in suo potere per prevenire e punire l’incitamento diretto e pubblico a commettere un genocidio”, ha affermato la Corte internazionale di giustizia all’Aia, insistendo anche sul fatto che lo Stato ebraico deve consentire gli aiuti umanitari nella Striscia di Gaza.

 

La Corte – le cui sentenze sono vincolanti per Israele – ha poi chiesto di adottare ulteriori misure per proteggere i palestinesi, ma non ha ordinato – come molti si aspettavano – di porre fine alle operazioni militari nella Striscia di Gaza, la richiesta chiave mossa dal Sudafrica.

 

 

 

 

 

VIRGO FUND

PRIMO PIANO