lunedì, Febbraio 26, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Cosa fa l’agenzia Onu per i palestinesi

AGI – L’agenzia delle Nazioni Unite che fornisce aiuti ai palestinesi è stata per generazioni un’ancora di salvezza vitale nella Striscia di Gaza – ed è stata motivo di contesa con Israele molto prima che alcuni dipendenti dell’agenzia fossero accusati di coinvolgimento nell’assalto guidato da Hamas il 7 ottobre contro i palestinesi. L’accusa, scrive il New York Times, avanzata da Israele, rappresenta un duro colpo per la reputazione dell’Agenzia ed è stata accolta sia dalle Nazioni Unite, che venerdì hanno dichiarato di aver licenziato i lavoratori accusati e di stare indagando, sia dagli Stati Uniti, dal Canada, dall’Australia e dall’Italia, che hanno sospeso alcuni finanziamenti.

 

Cosa fa l’Unrwa?

Fornisce una serie di servizi sociali alle persone registrate come rifugiati palestinesi nelle guerre risalenti al periodo della nascita dello Stato di Israele e ai loro discendenti a Gaza, in Cisgiordania, in Giordania, Libano e Siria. L’agenzia appare particolarmente importante a Gaza, dove la maggior parte della popolazione di oltre due milioni di persone è registrata come rifugiata. 

 

L’Unrwa costruisce e gestisce scuole, cliniche mediche, rifugi e campi da gioco in tutto il territorio. Fornisce cibo, assistenza abitativa e prestiti di emergenza e supervisiona anche la raccolta dei rifiuti. È uno dei maggiori datori di lavoro a Gaza, con 13.000 lavoratori, la maggior parte dei quali palestinesi.

 

Quali sono le accuse contro l’UNRWA?

Alcuni dipendenti potrebbero essere stati coinvolti negli attacchi del 7 ottobre, ma né l’Onu né gli Usa hanno approfondito tale coinvolgimento né hanno detto se comprendesse qualcuna delle peggiori atrocità commesse quel giorno. Il Dipartimento di Stato ha parlato di 12 dipendenti accusati e licenziati – l’Unrwa non ha fornito un numero – ma non è chiaro che tipo di lavoro svolgessero.

 

Qual è il rapporto dell’Unrwa con Israele?

Israele accusa da tempo l’Unrwa di operare in collusione con Hamas, aiutandola a indottrinare gli abitanti di Gaza con la propaganda anti-israeliana e chiudendo un occhio sui militanti di Hamas che lanciano razzi contro Israele e gestiscono una vasta rete di tunnel nel territorio. Hamas supervisiona quella piccola amministrazione pubblica civile esistente a Gaza, quindi le persone e le agenzie sotto il suo controllo interagiscono inevitabilmente con l’agenzia, ma la portata e la natura di tale cooperazione sono state oggetto di molte affermazioni contrastanti. Israele si oppone anche all’etichettatura di coloro che sono nati al di fuori di Israele come rifugiati.

 

Il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, è arrivato al punto di accusare l’agenzia di perpetuare piuttosto che alleviare la difficile situazione dei palestinesi e ha invitato le Nazioni Unite a scioglierla. Ma alcuni esperti sostengono che, nonostante le dichiarazioni pubbliche ostili, Israele ha avuto bisogno dell’agenzia per garantire stabilità alla zona

 

Perché è stata creata l’Unrwa?

L’Unrwa è stata fondata nel 1949 per assistere circa 700.000 palestinesi che fuggirono o furono espulsi da Israele durante le guerre che accompgnarono la creazione dello stato ebraico e a cui fu proibito il ritorno. Molti si stabilirono nei campi profughi che l’agenzia ha contribuito a creare, che da allora sono diventati aree urbane edificate, per lo più povere. I palestinesi sono l’unico gruppo di rifugiati il cui sostegno non è gestito nell’ambito del mandato globale dell’Ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr).

 

L’Unrwa è finanziata quasi interamente da donazioni volontarie degli stati membri delle Nazioni Unite, con gli Stati Uniti e i Paesi dell’Unione Europea che forniscono la maggior parte dei finanziamenti. L’agenzia, che ha affermato di essere a corto di fondi anche prima dell’inizio della guerra in corso, ha lanciato un appello per una maggiore infusione di denaro per gestire l’ulteriore necessità.

 

Qual è stato il ruolo dell’Unrwa durante questa guerra?

Da quando Israele ha iniziato la campagna di bombardamenti e l’invasione di terra come rappresaglia per l’attacco del 7 ottobre, l’Unrwa si è assunta la responsabilità primaria di cercare di dare rifugio agli sfollati di Gaza dalle loro case – ora quasi il 90% della popolazione. L’agenzia ha convertito le sue scuole, cliniche e uffici in rifugi di emergenza che sono diventati gravemente sovraffollati e ha anche allestito vasti campi tendati. È stato anche fortemente coinvolto nella distribuzione di cibo, acqua e medicine di cui c’è estremo bisogno. L’agenzia afferma che 152 dei suoi dipendenti sono tra i morti e che 141 delle sue strutture sono state danneggiate o distrutte nel conflitto. 

 

L’agenzia delle Nazioni Unite che fornisce aiuti ai palestinesi è stata per generazioni un’ancora di salvezza vitale nella Striscia di Gaza – ed è stata motivo di contesa con Israele molto prima che alcuni dipendenti dell’agenzia fossero accusati di coinvolgimento nell’assalto guidato da Hamas il 7 ottobre contro i palestinesi. Israele. L’accusa, scrive il New York Times, avanzata da Israele, rappresenta un duro colpo per la reputazione dell’Agenzia ed è stata accolta sia dalle Nazioni Unite, che venerdì hanno dichiarato di aver licenziato i lavoratori accusati e di stare indagando, sia dagli Stati Uniti, dal Canada, dall’Australia e dall’Italia, che hanno sospeso alcuni finanziamenti.

 

 

VIRGO FUND

PRIMO PIANO