lunedì, Febbraio 26, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Eros & Tanatos: la folle spirale di sesso, morte e cannibalismo degli Antechini

AGI – Gli antechini sono marsupiali carnivori noti per le sessioni sessuali suicide in cui tutti i maschi muoiono dopo il periodo riproduttivo da 1 a 3 settimane. A rivelarlo uno studio che ha coinvolto un gruppo di ricercatori, tra cui Andrew Baker, professore associato della QUT School of Biology and Environmental Science, Elliot Bowerman, della Sunshine Coast Council, e Ian Gynther, del Department of Environment, Science and Innovation, pubblicato su Australian Mammalogy.

“Durante la stagione riproduttiva, maschi e femmine si accoppiano promiscuamente in attacchi frenetici che durano fino a 14 ore – ha detto Baker -. Una certa morte indotta dallo stress segue per tutti i maschi poiché l’aumento del testosterone fa sì che il cortisolo si riversi in modo incontrollato attraverso il corpo, raggiungendo livelli patologici”.

“I maschi muoiono, il che offre un’opportunità di guadagno energetico a basso costo attraverso il cannibalismo per gli esemplari di sesso maschile ancora in vita e per gli antechini femmina in gravidanza o in allattamento – ha continuato Baker -. Sebbene sia stato segnalato un comportamento cannibalistico in alcuni dasyuridi, la famiglia che comprende gli antechini, i quoll e i diavoli della Tasmania, è molto raro osservarlo in natura”.

“In luoghi come Point Lookout, dove due specie di antechinus, l’Antechinus mimetes e l’antechinus bruna, A. stuartii, vivono nella stessa area, i due periodi riproduttivi, che sono leggermente separati tra loro, offrono l’opportunità di cannibalizzare sia la propria che l’altra specie”, ha detto Baker che ha aggiunto: “Ciascuna specie può trarre beneficio dal consumo di maschi morti dell’altra”.

“Per le specie di antechinus che si riproducono più precocemente, ciò può significare che le femmine gravide e in lattazione possono procurarsi cibo ad alta energia cannibalizzando i maschi delle specie che si riproducono più tardi e che muoiono. Per le specie che si riproducono più tardi, entrambi i sessi possono cogliere l’opportunità di cannibalizzare i maschi morti delle specie che si riproducono prima, per contribuire ad accumulare peso e condizione prima dell’inizio del loro periodo riproduttivo”, ha spiegato Baker.

“Nel presente studio, il sesso dell’animale che mangia l’antechinus morto è incerto, ma è molto probabile che si tratti di un maschio”, ha osservato. Anche se si ritiene che i maschi mangino meno delle femmine durante la riproduzione, si sa che entrambi i sessi mangiano in quel periodo. “L’antechinus che è stato osservato mentre si nutriva del proprio compagno morto appariva vigoroso e di grossa taglia, ma presentava danni all’occhio destro e perdita di peli sulle braccia e sulle spalle, fenomeni associati al declino indotto dallo stress nei maschi. Forse  era destinato a diventare presto il pasto di qualcun altro”, ha concluso Baker. 

VIRGO FUND

PRIMO PIANO