giovedì, Giugno 20, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

GIORGIA MAZZUCATO: LA PAROLA AL SERVIZIO DEI DIRITTI

L’impegno a favore dell’uguaglianza dei diritti come prima chiave di lettura per entrare nel mondo di Giorgia Mazzucato

Giorgia Mazzucato è un’attrice, autrice e regista nata a Padova nel 1990. Sin da piccolissima iniziò il suo viaggio all’interno dell’universo teatrale, muovendo i primi passi in questo mondo e avendo la possibilità di lavorare a fianco di importanti professionisti del settore. Attualmente scrive, dirige ed interpreta i suoi spettacoli, grazie ai quali ha ottenuto già diversi premi e numerosi riconoscimenti, tra i quali quello di Miglior Artista Internazionale, conferitole al San Diego Fringe Festival californiano (USA), unica ospite italiana invitata. L’impegno di Giorgia, oltre che essere artistico, coinvolge anche il sociale; in particolar modo è molto vicina alla comunità LGBTQ+.

Giorgia, ti descrivi e/o ti descrivono, oltre che artista poliedrica, anche “lottatrice civile” e “transfemminista”. In che modo queste parole ti identificano e in che modo ti descriveresti tu?

Mi sento ben rappresentata da queste parole. Sono ovviamente transfemminista perché se il femminismo non è trans includente allora è solo un’altra escrescenza discriminatoria di quel patriarcato che proprio le terf, a parole, dicono di voler combattere. E nella mia descrizione essenziale, aggiungerei anche che sono ovviamente antifascista. Una parola il cui valore, nel mezzo di questa nuova ondata di fascismo e afascismo, è più importante che mai.

(Foto di Antonio Nicolini)

Matrimonio egualitario per coppie dello stesso genere, diritto all’adozione, ma anche paure, violenze e luoghi comuni da superare… sono tutt’oggi temi “caldi” e che a te stanno molto a cuore. Puoi dirci perché e come li affronti in quanto artista?

Mi stanno a cuore perché è inconcepibile, grave e imbarazzante che nel 2023 esista ancora la discussione sul fatto che sia giusto o meno che tutte le persone abbiano gli stessi diritti. E ancor più assurdo è che dai piani alti della politica e da parte della pancia della popolazione la risposta sia: “No. Non tutte le persone devono avere gli stessi diritti”. Sono una cittadina indignata e una donna bisessuale ferita. Nei miei spettacoli provo a portare questo senso di urgenza civile, con onestà e fiducia nel potere delle storie. La potenza dell’ascolto del pubblico, la forza della condivisione mi aiutano a prendermi cura della consapevolezza che quanto c’è di bigotto e retrogrado in questo paese sia solo una scoria del passato e che il futuro e il progresso siano dalla nostra parte.

Komorebi – uno spettacolo queer, ma anche un libro. Che cosa ci racconta/ci racconti?

Lo spettacolo, da cui poi è nato un libro edito da Peoplepub, parla di come sia essere una persona queer in Italia.  Parlo di me e di quello che conosco, delle discriminazioni che ho affrontato, della percezione del mondo che mi e ci circonda, tentando di farlo con lucidità e ferma leggerezza. Nonostante le tematiche di spettacolo e libro non siano leggere, cerco di trattarle con sarcasmo, coinvolgendo il pubblico senza attaccarlo, ma facendolo sentire parte integrante di un problema che non è solo della comunità LGBT+, ma di chiunque, in quanto parte di una società non in salute.

Raccontare storie, creare memoria collettiva. Quali sono i tuoi obiettivi e come li affronti?

Professionalmente parlando, il mio obiettivo è quello di costruire storie che contino per il sociale, portando racconti che spostino dei punti di vista polverosi ed aprano a nuove domande. Per fare questo cerco di mantenermi costantemente informata e non farmi abbattere dalla frustrazione delle notizie quotidiane e dall’odio che sui social galoppa incontrastato. È sempre più evidente che abbiamo un problema sistemico di memoria e il teatro, come l’arte in generale, è uno strumento magico per combattere questa amnesia storica e sociale. Quello che credo è che una storia alla volta, si possa cambiare il mondo.

Con il suo lavoro e il suo impegno Giorgia è per tutti noi un esempio, che ci ricorda come in materia di discriminazione non si possa rimanere neutrali, ma sia necessario, oggi più che mai, prendere posizione.

VIRGO FUND

PRIMO PIANO