venerdì, Marzo 1, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

I BALLERINI IRLANDESI DIFENDONO I CONCORRENTI TRANS

Il mondo della danza irlandese si compatta contro una petizione transfobica.

Un gruppo di ballerini irlandesi ha espresso il suo sostegno ai concorrenti trans. Tale iniziativa arriva in risposta alla reazione negativa seguita alla vittoria di un adolescente trans in una recente competizione di danza irlandese, la prestigiosa gare An Coimisiún Le Rincí Gaelacha (CLRG), organizzata dalla Regione meridionale dell’Irish Dance Teachers Association of North America (IDTANA).

“Noi, la comunità di danza irlandese, esprimiamo il nostro inequivocabile sostegno ai ballerini transgender e affinché questi ballerini continuino a competere come se stessi nella categoria che meglio si allinea con la loro identità di genere”, afferma una petizione su Change.org avviata dalla ballerina irlandese Gabrielle Siegel“Riconosciamo il diritto dei ballerini transgender ad avere successo nel nostro sport e a celebrare le loro vittorie senza eccezioni”.

La petizione sottolinea che il successo nella danza irlandese è “un risultato multifattoriale in base al quale nessun sesso assegnato alla nascita può conferire un vantaggio biologico e che va anche oltre l’attuale ricerca scientifica che conclude che gli atleti trans non hanno vantaggi significativi nello sport dopo la terapia ormonale”.

“Riconosciamo che i giudici della danza irlandese sono preparati accuratamente per giudicare le competizioni di danza irlandesi sulla base di un’ampia gamma di fattori, tra cui ritmo, affluenza alle urne, crossover, piedi appuntiti, altezza delle dita, flessibilità e postura, nessuno dei quali è influenzato dal sesso assegnato alla nascita”, spiega la petizione.

Il gruppo ha condannato il bullismo, le molestie e gli abusi nei confronti di qualsiasi ballerino trans e ha affermato che “i ballerini transgender che vincono o vedono altri successi significativi nelle competizioni di ballo irlandesi lo fanno sulla base del loro duro lavoro verso gli ideali esigenti della nostra arte e del nostro sport, proprio come qualsiasi altro ballerino”.

Siegel ha parlato con il quotidiano Irish Central della sua decisione di avviare la petizione, che era una risposta diretta a un’altra petizione anti-trans che chiedeva categorie separate per i ballerini trans: “Quando ho visto per la prima volta la reazione transfobica alla vittoria di questa ballerina, ho letteralmente iniziato a tremare. Era già abbastanza brutto vedere così tante persone usare accuse infondate per cercare di minare il successo di qualcuno. Ma ciò che mi ha messo al limite è stato vedere le persone scagliare apertamente crudeltà contro un bambino”.

Siegel ricorda di essere stata una persona LGBTQ+ riservata quando era più giovane. “Non riesco davvero a immaginare di essere sottoposto a quel livello di molestie o bullismo a quell’età.” Ha lanciato, quindi, la petizione per garantire che le persone non abbiano un’immagine negativa e cattive notizie riguardo ai diritti dei trans.

VIRGO FUND

PRIMO PIANO