lunedì, Febbraio 26, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

I primi popoli delle Ande seguivano una dieta per lo più vegetale

 

AGI – La dieta delle prime popolazioni delle Ande era per lo più vegetale, il che rovescia la precedente narrazione per cui i primi esseri umani erano ‘cacciatori-raccoglitori’. Almeno nelle Ande del Sud America la definizione dovrebbe essere cambiata in ‘raccoglitori-cacciatori’. A rilevarlo una ricerca guidata da Randy Haas, dell’Università del Wyoming, pubblicata su PLoS ONE. Gli archeologi hanno a lungo pensato che le prime diete umane fossero a base di carne. Tuttavia, l’analisi condotta da Haas sui resti di 24 individui provenienti dai siti di sepoltura di Wilamaya Patjxa e Soro Mik’aya Patjxa, in Perù, ha dimostrato che la dieta dei primi esseri umani sulle Ande era composta per l’80% da sostanze vegetali e per il 20% da carne. Nello studio sono stati applicati metodi di chimica isotopica e di modellazione statistica per svelare una sorprendente svolta nelle prime societa’ andine e nelle tradizionali narrazioni dei cacciatori-raccoglitori. “La saggezza convenzionale ritiene che le prime economie umane si concentrassero sulla caccia, un’idea che ha portato a una serie di mode alimentari ad alto contenuto proteico, come la Paleodieta”, ha detto Haas.

“La nostra analisi dimostra che le diete erano composte per l’80% da sostanze vegetali e per il 20% da carne” ha continuato Haas. Per questi primi esseri umani delle Ande, che risalgono a un periodo compreso tra 9.000 e 6.500 anni fa, e’ stato dimostrato che la caccia ai grandi mammiferi costituiva una parte della loro dieta. Ma, la nuova analisi della composizione isotopica delle ossa umane mostra che gli alimenti vegetali costituivano la maggior parte della dieta individuale, mentre la carne svolgeva un ruolo secondario. Inoltre, i resti vegetali bruciati nei siti e i distinti modelli di usura dentale sugli incisivi superiori degli individui indicano che i tuberi o le piante che crescono sottoterra, come le patate erano probabilmente la risorsa di sussistenza più importante. 

 

“La nostra combinazione di chimica isotopica, metodi paleoetnobotanici e zooarcheologici offre il quadro più chiaro e accurato delle prime diete andine fino ad oggi – ha proseguito Haas -. I risultati aggiornano la nostra comprensione delle prime economie di foraggio e del percorso verso le economie agricole negli altopiani andini”. Ad affiancare Haas nello studio sono stati ricercatori della Penn State University, dell’Università della California-Merced, dell’Università della California-Davis, dell’Università di Binghamton, dell’Università dell’Arizona e del Registro nazionale degli archeologi peruviani. Anche gli studenti universitari hanno avuto l’opportunita’ di condurre ricerche durante gli scavi iniziali del 2018 presso il sito di sepoltura di Wilamaya Patjxa. “Il cibo è incredibilmente importante e cruciale per la sopravvivenza, soprattutto in ambienti di alta quota come le Ande”, ha sostenuto Jennifer Chen, dottoranda in antropologia presso la Penn State University, autrice principale dello studio ed ex studentessa universitaria nel laboratorio di ricerca di Haas, che ha svolto il lavoro di laboratorio e gran parte delle analisi isotopiche dopo gli scavi.

 

“Molti studi archeologici sui cacciatori-raccoglitori, o foraggiatori, si concentrano sulla caccia e sulle diete a base di carne, ma noi stiamo scoprendo che i primi cacciatori-raccoglitori delle Ande si nutrivano soprattutto di alimenti vegetali, come i tuberi selvatici” ha notato Chen. Secondo Haas gli archeologi hanno ora gli strumenti per comprendere le prime diete umane. “Lo studio dimostra per la prima volta che le economie umane primitive, almeno in una parte del mondo, erano basate sui vegetali – ha sottolineato -. Dato che i pregiudizi archeologici hanno a lungo fuorviato gli archeologi, me compreso, sulla dieta dei primi uomini sulle Ande è probabile che le future ricerche isotopiche in altre parti del mondo dimostreranno che gli archeologi hanno sbagliato anche altrove”, ha concluso Haas, che studia il comportamento umano nelle societa’ foraggiere del passato al fine di comprendere meglio il comportamento umano nel presente e attualmente dirige scavi archeologici e progetti di indagine nelle Ande e nelle regioni montuose del Nord America occidentale. 

VIRGO FUND

PRIMO PIANO