venerdì, Giugno 14, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

I resti di una vittima dell’urgano Katrina indetificati dopo 19 anni

AGI – Diciannove anni dopo la devastazione in Mississippi dell’uragano Katrina, è stato identificato il corpo di una donna, Tonette Jackson, che era risultata scomparsa. Il marito, Hardy, adesso ha un corpo a cui dare sepoltura, ma fino a poco tempo aveva solo un ricordo doloroso: quando il 29 agosto del 2005, lui e lei, in mezzo alle inondazioni, si erano tenuti per mano. Lui era riuscito ad aggrapparsi a un albero e aveva stretto la mano della moglie, prima di sentire la presa allentarsi. La donna era sparita nell’ondata di acqua, fango e macerie.

Una settimana dopo era stato ritrovato un corpo, ma in condizioni tali da non essere identificabile. Nel luogo della sepoltura era stato messo pietosamente un nome generico, Jane, e accanto la parola “Love”, amore.

In tutti questi anni Tonette Jackson è stata classificata tra i 12 mila dispersi in Louisiana e Mississippi, ma il marito e i figli non hanno mai smesso di pensare che un giorno la storia avrebbe avuto la parola fine, seppure tragica. Hardy aveva rilasciato interviste alle tv nazionali, diventando uno dei volti della tragedia. Le vittime identificate sono state 1.392. I danni sono stati quantificati in 125 miliardi di dollari.

Con le nuove tecnologie legate al dna i medici sono riusciti adesso a dare un nome ai resti di Jane: era Tonette Jackson. Quando morì aveva 46 anni. La famiglia, che è stata subito informata, ha chiesto di poter riavere i resti e dare loro sepoltura con una nuova lapide. Le autorità hanno acconsentito. Il nome di Tonette è stato tolto dal lungo elenco di persone “missing”, ufficialmente scomparse.

 ​ Read More 

​ 

VIRGO FUND

PRIMO PIANO