sabato, Aprile 13, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

IL FIGLIO DI IGNAZIO LA RUSSA DENUNCIATO PER VIOLENZA SESSUALE

Non si spengono le polemiche sulla vicenda di presunte violenze sessuali che vede coinvolto Leonardo Apache La Russa, figlio dell’attuale presidente del Senato Ignazio La Russa

A denunciarlo una ragazza di 22 anni di Milano, sua ex compagna di scuola, riguardo a una serata passata insieme lo scorso 18 maggio. La 22enne ha aggiunto di non ricordarsi nulla dopo aver bevuto un drink, risvegliandosi confusa e senza vestiti nel letto del ragazzo intorno a mezzogiorno.

Dietro i silenzi ufficiali dell’intera maggioranza su questa denuncia di violenza sessuale, circola la ricostruzione secondo cui alla premier non siano piaciuti i toni delle prime dichiarazioni del presidente del Senato, con la “certezza” sull’innocenza del ragazzo e i “molti interrogativi” sulla denuncia presentata 40 giorni dopo. Parole seguite da una precisazione nel giro di tre ore.

Ma ormai l’opposizione aveva quanto basta per scatenare una serie di duri attacchi. Per la segretaria dem Elly Schlein, “è disgustoso sentire dalla seconda carica dello Stato parole che ancora una volta vogliono minare la credibilità delle donne che denunciano una violenza sessuale a seconda di quanto tempo ci mettono, o sull’eventuale assunzione di alcol o droghe, come se questo facesse presumere automaticamente il loro consenso”. È “vergognoso” secondo Angelo Bonelli (Avs) che La Russa, “interroghi il proprio figlio e lo scagioni: nulla di penalmente rilevante”. Mentre Azione si tira fuori “dalla rissa sui casi giudiziari”. Meloni, dice chi le sta vicino, è “serena, sicura che la riforma della giustizia non si fermerà”.

VIRGO FUND

PRIMO PIANO