martedì, Luglio 16, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Il muschio ultraresistente che potrebbe essere coltivato su Marte

AGI – Il muschio del deserto, Syntrichia caninervis, è un candidato promettente per la colonizzazione di Marte; questo grazie alla sua estrema capacità di tollerare condizioni difficili e letali per la maggior parte delle forme di vita. Lo rivela un nuovo studio, riportato su The Innovation. I ricercatori hanno scoperto che il muschio, già ben noto per la sua capacità di sopportare condizioni di siccità, può anche sopravvivere a temperature di congelamento fino a -196 C, ad alti livelli di radiazioni gamma e a condizioni marziane simulate che comportano questi tre fattori di stress combinati. In tutti i casi, una precedente disidratazione sembra aiutare le piante a resistere.

 

“Il nostro studio dimostra che la resilienza ambientale di S. caninervis è superiore a quella di alcuni microrganismi e tardigradi altamente tolleranti allo stress”, hanno dichiarato i ricercatori, che comprendono gli ecologi Daoyuan Zhang e Yuanming Zhang e il botanico Tingyun Kuang, dell’Accademia cinese delle scienze. “S. caninervis è una promettente pianta pioniera candidata a colonizzare ambienti extraterrestri, gettando le basi per la costruzione di habitat umani biologicamente sostenibili oltre la Terra”, hanno aggiunto gli autori.

 

Un piccolo numero di studi precedenti ha testato la capacità di microrganismi, alghe, licheni e spore di piante di resistere agli ambienti estremi dello spazio o di Marte, ma questo è il primo studio a testare piante intere. Syntrichia caninervis è una specie di muschio comune con un’ampia distribuzione globale. Cresce in ambienti desertici straordinariamente estremi, tra cui il Tibet, l’Antartide e le regioni circumpolari, come parte della crosta biologica del suolo, un tipo di copertura del suolo diffuso e resistente che si trova spesso nelle terre aride. Data la capacità del muschio di sopravvivere a condizioni ambientali estreme, i ricercatori hanno deciso di testarne i limiti in laboratorio. 

Come si è svolto l’esperimento

Per testare la tolleranza al freddo del muschio, i ricercatori hanno conservato le piante a -80 C, in un congelatore ultrafreddo, per 3 e 5 anni e a -196 C, in un serbatoio di azoto liquido, per 15 e 30 giorni. In tutti i casi, le piante si sono rigenerate quando sono state scongelate, anche se la loro ripresa è stata meno rapida rispetto agli esemplari di controllo che erano stati disidratati ma non congelati. Le piante che non erano state disidratate prima del congelamento si sono riprese più lentamente di quelle che erano state essiccate e poi congelate.

 

Il muschio ha anche dimostrato la capacità di sopravvivere all’esposizione alle radiazioni gamma che avrebbero ucciso la maggior parte delle piante, e dosi di 500 Gy sembravano addirittura promuovere la crescita delle piante. Per fare un confronto, gli esseri umani sperimentano gravi convulsioni e la morte quando sono esposti a circa 50 Gy. “I nostri risultati indicano che S. caninervis è uno degli organismi più tolleranti alle radiazioni”, hanno commentato i ricercatori. Infine, i ricercatori hanno testato la capacità del muschio di sopportare condizioni simili a quelle marziane utilizzando la Planetary Atmospheres Simulation Facility dell’Accademia delle Scienze cinese.

 

Le condizioni marziane del simulatore comprendevano aria composta al 95% da CO2, temperature che oscillavano da -60 C a 20 C, alti livelli di radiazioni UV e bassa pressione atmosferica. Le piante di muschio essiccate hanno raggiunto un tasso di rigenerazione del 100% entro 30 giorni dopo essere state sottoposte alle condizioni marziane per 1, 2, 3 e 7 giorni. Anche le piante idratate, sottoposte al simulatore per un solo giorno, sono sopravvissute, anche se si sono rigenerate più lentamente delle loro controparti essiccate. “Sebbene ci sia ancora molta strada da fare per creare habitat autosufficienti su altri pianeti, abbiamo dimostrato il grande potenziale di S. caninervis come pianta pioniera per la crescita su Marte”, hanno affermato gli scienziati. “Guardando al futuro, ci aspettiamo che questo promettente muschio possa essere portato su Marte o sulla Luna per testare ulteriormente la possibilità di colonizzazione e crescita delle piante nello spazio esterno”, hanno concluso gli autori. 

 ​ Read More 

​ 

VIRGO FUND

PRIMO PIANO