venerdì, Giugno 14, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

IL VATICANO: ACCOGLIERE LE PERSONE LGBTQ+ E AUMENTARE IL RUOLO DELLE DONNE

Un documento intitolato “Instrumentum Laboris” esorta la Chiesa Cattolica and aprirsi ai cambiamenti del mondo in vista del Sinodo del 2024

50 pagine dal contenuto forse esplosivo, in cui si invitano i vescovi chiamati al prossimo Sinodo Generale ad offrire grandi aperture a mondi nei cui confronti spesso è stata manifestata finora la più grande chiusura.

Il Sinodo è in preparazione da due anni, durante i quali ai cattolici di tutto il mondo è stato chiesto quale fosse la loro visione della Chiesa. Una prima sessione si terrà a ottobre 2023 e una seconda nell’ottobre 2024. Il documento, noto con il titolo latino Instrumentum Laboris, include suggerimenti per riflessioni e discussioni per i delegati derivanti dalle consultazioni preliminari avutesi in questo periodo. Secondo tale documento, i vescovi cattolici dovrebbero, quindi, discutere di come la Chiesa possa essere più accogliente nei confronti delle persone LGBTQ+ e dei divorziati. Dovrebbero anche riflettere su come dare alle donne più potere decisionale e consentire loro di essere ordinate diaconi, nonché permettere agli uomini sposati di diventare sacerdoti in aree remote – una possibilità che Papa Francesco ha sospeso dopo i colloqui in un incontro simile nel 2019.

Sembra persino suggerire che la Chiesa dovrebbe essere comprensiva verso coloro che hanno relazioni poligame. In teoria la Chiesa proibisce la poligamia, ma la pratica è tranquillamente tollerata in alcune parti dell’Africa per i convertiti che hanno già più di una moglie.

Una sezione del documento è stata dedicata alle donne, un argomento che dovrebbe essere di grande attenzione durante l’incontro, dopo la decisione di Papa Francesco, lo scorso aprile, di consentire alle donne delegate di votare all’assemblea per la prima volta.

Nel 2022 Papa Francesco ha introdotto una riforma storica che consentirà a qualsiasi laico cattolico battezzato, comprese le donne, di dirigere la maggior parte dei dipartimenti vaticani sotto una nuova costituzione per l’amministrazione centrale della Santa Sede.

Ha anche nominato tre donne in un comitato precedentemente tutto maschile che lo consiglia nella selezione dei vescovi del mondo. Il documento afferma che la maggior parte delle risposte locali richiede che venga presa in considerazione la questione delle donne che diventano diaconi.

“Non abbiamo un’agenda. Non c’è stato alcun incontro segreto tra cardinali su come aggiungere argomenti progressisti alla discussione Chiesa. Si tratta solo di prendere atto del naturale corso degli eventi e della società”, ha detto l’arcivescovo lussemburghese Jean-Claude Hollerich, in una conferenza stampa.

VIRGO FUND

PRIMO PIANO