mercoledì, Aprile 24, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

In Israele finisce l’esenzione dalla leva per gli ebrei ultraortodossi

AGI – L’esenzione degli ebrei ultraortodossi dal servizio militare in Israele termina oggi, per effetto di una pronuncia della Corte suprema, dopo anni di rinvii. Si tratta di una questione delicata che divide la società israeliana, sullo sfondo della guerra tra Israele e Hamas Palestinese. Il servizio militare è obbligatorio in Israele, ma gli ultraortodossi possono evitare la coscrizione se dedicano il loro tempo allo studio dei testi sacri dell’ebraismo. L’esenzione fu decisa da Ben-Gurion all’atto della creazione dello Stato di Israele nel 1948, inizialmente per 400 giovani, ma oggi riguarda 66.000 uomini tra i 18 e i 26 anni.

 

La legge che la permetteva è stata invalidata nel 2012 dalla Corte Suprema che ha chiesto una riforma, ma i governi e i partiti ultraortodossi che si sono succeduti hanno sempre concluso accordi provvisori, senza mai riuscire a trovare una soluzione. Negli anni le critiche sono aumentate nella società israeliana e i partiti laici e le ONG hanno portato la questione alla Corte Suprema per chiedere l’immediata coscrizione degli ultraortodossi in nome del principio di uguaglianza. L’Alta Corte aveva concesso al governo tempo fino al 27 marzo per presentare una proposta, ma il primo ministro Benjamin Netanyahu ha inviato una lettera il giorno successivo chiedendo una proroga di 30 giorni. Lo stesso giorno, la Corte Suprema ha emesso una sentenza provvisoria che prevede, a partire dal 1 aprile, il congelamento dei fondi pubblici destinati agli studenti delle scuole talmudiche che non si presentano per il servizio militare, ma senza dare un termine per le sanzioni contro coloro che si rifiutano di prestare servizio militare. 

 

Cosa succederà da oggi? Questi giovani potrebbero in teoria essere chiamati a prestare il servizio militare, spiega Yair Ettinger, esperto di questioni religiose dell’emittente pubblica Kan 11, “ma la polizia non verrà ad arrestarli perché ci vorrà del tempo per dichiararli disertori, e la Corte dovrà pronunciarsi su questa questione a maggio. “I leader ultraortodossi vogliono una nuova legge per garantire che i loro studenti non siano costretti ad arruolarsi nell’esercito, ma non sarà facile né politicamente né giuridicamente”, aggiunge Ettinger.

 

La coalizione di governo di Netanyahu si basa in gran parte sull’alleanza con i due principali partiti ultra-ortodossi, Shass e United Torah Judaism, ferocemente contrari alla coscrizione degli ebrei ultra-ortodossi (haredim, in ebraico). La loro uscita farebbe crollare la coalizione. Ma l’opzione di nuove elezioni provocate dagli ultraortodossi sembra improbabile in quanto “questo governo è il più favorevole agli interessi degli haredim”.

 

Nel maggio 2023, il governo ha approvato un budget senza precedenti di quasi un miliardo di euro (3,7 miliardi di shekel) per le scuole talmudiche. Da oggi ciò che cambiera’ inizialmente è che la Corte Suprema costringerà il governo a tagliare il budget destinato a questi istituti religiosi. Poiché il limite di età per arruolarsi nell’esercito è di 26 anni, verranno privati di circa 500 milioni di shekel, la somma stanziata per gli studenti dai 18 ai 26 anni.

 

Secondo un recente sondaggio, il 70% della popolazione ebraica del Paese ritiene che gli ebrei ultraortodossi dovrebbero, come gli altri, dare il loro contributo alla sicurezza del Paese e prestare servizio militare, mentre la guerra lanciata da Israele a Gaza dopo l’inedito attacco del 7 ottobre perpetrato da Hamas entrerà nel suo sesto mese. Sono già quasi 600 i soldati israeliani caduti dall’inizio della guerra a Gaza, di cui 254 nella Striscia, con oltre 3 mila feriti.

 ​ Read More 

​ 

VIRGO FUND

PRIMO PIANO