mercoledì, Aprile 17, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

La CEDU di Strasburgo respinge il ricorso per il riconoscimento di 2 madri

La corte europea dei diritti dell’uomo ha dichiarato irricevibili i ricorsi proposti contro l’Italia relativi al rifiuto di trascrizione di atti di nascita formati all’estero con il ricorso della pratica della gestazione per altri, sia al rifiuto di una seconda madre nel caso di bambini nati in Italia con la tecnica della procreazione medicalmente assistita.

È quanto si legge in una circolare del dipartimento per gli affari interni del Viminale diramata oggi, secondo cui la corte di Strasburgo, pur confermando la necessità del riconoscimento del rapporto tra il minore e il “genitore d’intenzione”, ha ribadito che rientra nell’ambito della discrezionalità di ciascuno Stato la scelta dei mezzi con cui pervenire a tale risultato, tra i quali si annovera il ricorso all’adozione del minore. 

(ANSA)

VIRGO FUND

PRIMO PIANO