venerdì, Giugno 14, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

La Commissione Senato Usa estende l’indagine sui rapporti di Bmw con la Cina

AGI – Il presidente della commissione Finanze del Senato Usa ha dichiarato che sta espandendo l’indagine sulla casa automobilistica tedesca Bmw, accusata di utilizzo di componenti elettronici provenienti da un fornitore cinese vietato. Il mese scorso, il senatore Ron Wyden aveva dichiarato, dopo un’indagine durata due anni, di aver appreso che la Bmw aveva importato almeno 8.000 veicoli Mini Cooper negli Stati Uniti con parti di un fornitore cinese vietato da una legge del 2021 e che la Bmw aveva continuato a importare prodotti con le parti vietate almeno fino ad aprile. Ora Wyden, in una nuova lettera al ceo di Bmw North America, Sebastian Mackensen, ha chiesto se la casa automobilistica avesse completato l’esame della sua catena di fornitura per determinare se altri prodotti importati contenessero parti dal fornitore cinese Sichuan Jingweida Technology Group (Jwd). “La Bmw è sicura di non importare attualmente veicoli contenenti componenti prodotti da Jwd?”, si legge nella lettera che chiede risposte entro il 21 giugno.

 

Il gruppo automobilistico ha dichiarato il mese scorso di aver “adottato misure per fermare l’importazione dei prodotti interessati”. Nel 2021 il Congresso ha approvato la legge Uyghur Forced Labour Prevention Act (UFLPA) per rafforzare l’applicazione delle leggi per prevenire l’importazione di beni dalla regione cinese dello Xinjiang che si ritiene siano prodotti con il lavoro forzato da membri del gruppo di minoranza uigura del paese. La Cina nega le accuse.

 ​ Read More 

​ 

VIRGO FUND

PRIMO PIANO