domenica, Giugno 16, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

L’anello trovato nei Pirenei che potrebbe svelare il passaggio dell’esercito di Annibale

AGI – Un edificio in rovina nel mezzo dei Pirenei testimonia una tragedia per le persone che vivevano lì: un incendio devastante che rase al suolo un insediamento, distruggendo tutto, compreso un orecchino d’oro nascosto. Ora gli scavi archeologici dell’Edificio G, nel sito dell’età del ferro strategicamente posizionato di Tossal de Baltarga (comarca di Baixa Cerdanya, Catalogna), rivelano uno stile di vita segnato dalla violenza. Molto probabilmente, sostengono i ricercatori, un episodio dimenticato della guerra tra Cartagine e Roma. “La distruzione è stata datata intorno alla fine del III secolo a.C., momento in cui i Pirenei furono coinvolti nella Seconda Guerra Punica e nel passaggio delle truppe di Annibale”, ha affermato il dottor Oriol Olesti Vila dell’Università Autonoma di Barcellona, ​​autore principale dello studio pubblicato su Frontiere nell’archeologia ambientale. “È probabile che la violenta distruzione del sito sia collegata a questa guerra. L’incendio generale indica una distruzione antropica, intenzionale e molto efficace: non solo l’edificio G, ma tutti gli edifici del sito furono distrutti. Nell’edificio D abbiamo trovato un cane intero, bruciato”. Tossal de Baltarga era un fortilizio della comunità Cerretani, che aveva un importante insediamento nel vicino Castellot de Bolvir. Sembra che fosse privo di mura difensive, ma godeva di un’eccellente vista sul fiume e sulle principali vie che attraversano la regione.

 

La sua improvvisa distruzione ha preservato resti organici, che hanno permesso agli archeologi di dipingere un quadro dettagliato della vita che vissero i suoi occupanti fino a quando non fu dato alle fiamme. “Queste valli erano un territorio importante dal punto di vista economico e strategico”, ha affermato Olesti Vila. “Sappiamo che Annibale oltrepassò i Pirenei combattendo contro le tribù locali, probabilmente i Cerretani. Non si conservano molti resti archeologici di questa spedizione. Tossal de Baltarga è probabilmente uno dei migliori esempi”. L’edificio G aveva due piani. Il fuoco divampò così violentemente che il tetto, le travi di sostegno e il solaio superiore in legno crollarono, ma alcuni oggetti di valore sopravvissero alla caduta: gli archeologi hanno trovato un piccone di ferro e l’orecchino d’oro, nascosti in un vasetto. Questo piano superiore sembra fosse suddiviso in spazi destinati alla cucina e alla produzione tessile. Sono state rinvenute numerose fusaiole e pesi da telaio, che potrebbero essere stati utilizzati per filare e tessere la lana delle pecore e delle capre che vivevano al piano inferiore. Gli archeologi hanno trovato anche cereali commestibili come avena e orzo e alcuni recipienti per cucinare, con residui che mostravano che le persone che utilizzavano l’edificio G bevevano latte e mangiavano stufati di maiale. Sebbene non siano stati trovati resti umani nell’edificio G, sei animali non sono fuggiti. Le quattro pecore, capre e cavalli sono stati rinchiusi nei loro recinti di legno con il loro mangime. Potrebbero anche essere rimasti intrappolati da una porta chiusa, il che spiegherebbe il legno bruciato trovato all’ingresso.

 

Questo recinto potrebbe essere stato un allontanamento dalle pratiche abituali, causato dalla paura del conflitto: l’analisi isotopica indica che alcune pecore avevano precedentemente pascolato in pascoli di pianura, forse previo accordo con altre comunità. “Queste comunità montane non erano chiuse negli altopiani, ma collegate con le aree vicine, scambiando prodotti e, probabilmente, background culturali”, ha detto Olesti Vila. “L’economia complessa indica una società dell’età del ferro adattata al proprio ambiente e che sfruttava le risorse degli altopiani. Ma mostra anche il loro contatto con altre comunità”.

 

“La nostra ricostruzione implica una distruzione improvvisa, senza scampo, che non ha lasciato nemmeno il tempo per aprire la porta della stalla e salvare gli animali”, ha aggiunto Olesti Vila. “Potrebbe trattarsi semplicemente di un incendio locale inaspettato. Ma la presenza di un orecchino d’oro nascosto indica l’anticipazione da parte della popolazione locale di qualche tipo di minaccia, probabilmente l’arrivo di un nemico. Inoltre, il fatto di tenere un numero così elevato di animali in una piccola stalla suggerisce l’anticipazione di un pericolo”. Gli archeologi non sanno cosa ne fu della gente che viveva a Tossal de Baltarga, che alla fine fu rioccupata e presidiata dai romani. Probabilmente una parte della comunità è sopravvissuta all’incendio. Forse ricordando l’incendio dell’edificio G e dei suoi vicini, questi successivi occupanti di Tossal de Baltarga costruirono delle difese, inclusa un’imponente torre di guardia.

 ​ Read More 

​ 

VIRGO FUND

PRIMO PIANO