giovedì, Giugno 20, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

L’appello di Stoltenberg: “Dare a Kiev il via libera per colpire obiettivi russi”

AGI – I Paesi Nato che forniscono armi all’Ucraina dovrebbero permettere alle forze armate di Kiev di utilizzarle anche per colpire obiettivi militari in Russia. Lo ha detto, in un’intervista all’Economist, il segretario generale Jens Stoltenberg. Secondo il settimanale britannico il leader dell’Alleanza si riferisce in particolare agli Stati Uniti. “È il momento che gli alleati valutino di eliminare alcune delle restrizioni sull’uso delle armi che hanno dato all’Ucraina”, ha detto nell’intervista, citando in particolare le battaglie in corso nella zona di Kharkiv. “Negare all’Ucraina la possibilità di usare queste armi contro obiettivi militari legittimi sul territorio russo rende molto difficile per loro difendersi”, ha spiegato. 

Il giornale britannico spiega come per gli ucraini sia, da tempo, fonte di frustrazione il fatto che, per colpire obiettivi sul territorio russo, debbano dipendere dai droni prodotti in casa, ovvero trumenti con un’utilità e un’efficacia limitata. La loro rabbia ribolle dal 10 maggio, quando i russi hanno iniziato una grande offensiva oltre il confine a soli 32 km da Charkiv, la seconda città dell’Ucraina. La città era già stata sottoposta a un bombardamento aereo per diversi mesi.  Stoltenberg non si aspetta che questa azione porti a una svolta per Mosca. “Continueranno a spingere e a guadagnare un po’ di terreno, e sono disposti a pagare un prezzo molto alto per questi guadagni marginali”, ha detto. Ma avverte che l’Ucraina è in difficoltà. E ha parole dure per i membri europei della NATO: “Gli alleati europei hanno promesso un milione di proiettili di artiglieria”, ha detto. “Non abbiamo visto nulla di simile”.

 

 

In un’intervista rilasciata all’Afp il 17 maggio, Volodymyr Zelensky, presidente dell’Ucraina, ha chiesto il permesso di usare le armi donate su obiettivi russi. Ha sottolineato che il loro uso sarebbe difensivo in un momento in cui le truppe di Putin stanno cercando di sfruttare la carenza di manodopera e di munizioni, quest’ultima dovuta al ritardo del sostegno americano e alle promesse non mantenute dell’Europa. I governi occidentali, ha detto, vogliono “che l’Ucraina vinca in modo che la Russia non perda”. Alcuni analisti occidentali, scrive l’Economist, affermano che l’America ha cercato di gestire il modo in cui l’Ucraina combatte sin dall’inizio della guerra. Più volte gli americani hanno negato all’Ucraina le armi che aveva richiesto con urgenza, per poi cedere molti mesi dopo. L’elenco comprendeva il sistema di lancio di razzi multipli Hears, i carri armati Abrams, i jet da combattimento F-16 e l’Atacms, un sistema di missili balistici tattici. La giustificazione è sempre stata che Washington voleva evitare di provocare un’escalation evitando una reazione esagerata da parte di Vladimir Putin, in particolare con l’uso di armi nucleari tattiche. Dopo che il presidente francese, Emmanuel Macron, a maggio ha ventilato l’ipotesi di schierare le forze Nato in Ucraina, Putin ha ordinato lo svolgimento di esercitazioni nucleari in Bielorussia. Tuttavia, a parte il gioco di sciabole, le minacce nucleari della Russia non hanno portato a nulla.

 

Stoltenberg ha riconosciuto il rischio di un’escalation. Il compito, ha detto, è “evitare che questa guerra diventi una vera e propria guerra tra la Russia e la Nato in Europa“. Ma ha fatto una distinzione tra la fornitura di armi e l’addestramento e l’impegno militare. “Forniamo addestramento, armi e munizioni all’Ucraina, ma non saremo direttamente coinvolti dal territorio della Nato in operazioni di combattimento sopra o in Ucraina. Quindi è una cosa diversa”. Stoltenberg ha tracciato una linea simile sulla proposta di stazionare truppe in Ucraina se il governo ne facesse richiesta, un’idea sostenuta da Macron. “Non è questo il piano… Non abbiamo alcuna intenzione di inviare truppe di terra della NATO in Ucraina, perché il nostro scopo… è duplice: sostenere l’Ucraina, come facciamo, ma anche garantire che non ci sia un’escalation in un conflitto su larga scala”.

 

Ci sono ora segnali che indicano che l’America potrebbe muoversi verso la concessione all’Ucraina di un maggior margine di manovra nel colpire i bersagli in territorio russo. Dopo aver visitato Kiev la scorsa settimana, Antony Blinken, Segretario di Stato americano, avrebbe esposto a Washington la necessità di permettere a Kiev di colpire basi militari e batterie di missili a pochi chilometri dalla Russia. Queste, spiega ancora l’Economistl, vengono utilizzate per colpire Kharkiv e le truppe che la difendono. Pochi giorni prima David Cameron, segretario agli Esteri britannico, aveva dichiarato che l’Ucraina era libera di utilizzare i missili da crociera Storm Shadow di fabbricazione britannica per colpire obiettivi in Russia. Lloyd Austin, segretario alla Difesa americano, ha recentemente lasciato intendere che gli aerei russi che lanciano bombe in volo dallo spazio aereo russo potrebbero essere obiettivi legittimi per i missili americani. 

 

Tuttavia, Stoltenberg distingue tra il permettere all’Ucraina di attaccare obiettivi in Russia con sistemi donati dall’Occidente e qualsiasi impegno diretto della NATO nel conflitto. Il suo predecessore, Anders Fogh Rasmussen, ha chiesto il 14 maggio che i Paesi Nato dell’Europa orientale possano usare le difese aeree a terra per abbattere i missili e i droni russi diretti in Ucraina. Stoltenberg ha respinto questa idea: “Non saremo parte del conflitto“, ha dichiarato.

 

 

 ​ Read More 

​ 

VIRGO FUND

PRIMO PIANO