venerdì, Maggio 24, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

LE GIOCATRICI SVEDESI COSTRETTE A MOSTRARE I GENITALI PER DIMOSTRARE DI ESSERE DONNE

Lo rivela Nilla Fischer, difensore della nazionale svedese, in un’intervista al periodo svedese Aftonabladet e nel suo libro autobiografico I Didn’t Even Say Half Of It (non ho detto neanche la metà)

Le giocatrici svedesi hanno dovuto “mostrare i loro genitali al dottore” ai Mondiali femminili del 2011 per dimostrare di essere donne, come ha rivelato il difensore centrale della squadra Nilla Fischer.

Nel suo nuovo libro – I Didn’t Even Half Of It – Fischer, che ha giocato 194 volte per il suo paese, ha descritto il processo, condotto da una fisioterapista donna per conto del medico, come umiliante. I test di genere sono stati effettuati durante il torneo del 2011 in Germania dopo le proteste di Nigeria, Sudafrica e Ghana relative alle accuse secondo cui la squadra della Guinea Equatoriale includeva uomini.

“Ci è stato detto che non dovremmo raderci ‘laggiù’ nei prossimi giorni e che mostreremo i nostri genitali per il dottore. Nessuno capiva la ragione della mancata rasatura, ma facciamo come ci viene detto e pensiamo ‘come si è arrivati a questo?’ Perché siamo costretti a farlo ora, ci devono essere altri modi per farlo. Dovremmo rifiutare? Allo stesso tempo nessuno vuole mettere a repentaglio l’opportunità di giocare un Mondiale. Dobbiamo solo fare questa merda, non importa quanto sia una cosa malata e umiliante”.

In un’intervista al quotidiano svedese Aftonbladet, Fischer ha dettagliato il processo in modo più approfondito. “Capisco cosa devo fare e allo stesso tempo abbasso rapidamente i pantaloni da allenamento e la biancheria intima. Il fisioterapista annuisce e dice ‘sì’ e poi guarda il dottore che è in piedi con le spalle alla mia porta. Prende nota e prosegue nel corridoio per bussare alla porta accanto. Quando tutti i membri della nostra squadra vengono controllati, vale a dire, hanno esposto la loro vagina, il nostro medico di squadra può firmare che la squadra nazionale di calcio femminile svedese è composta solo da donne”.

Alla domanda su come ci si sente, Fischer ha detto: “Avevamo un ambiente molto sicuro nel team. Quindi era probabilmente il modo migliore per farlo. Ma è una situazione estremamente strana e nel complesso non è piacevole”.

Due settimane prima dell’inizio della Coppa del Mondo 2011, la Fifa ha emesso le sue attuali politiche di riconoscimento del genere, che richiedono alle squadre di firmare una dichiarazione che garantisca che i giocatori scelti per la Coppa del Mondo siano “di un genere appropriato”. Tali regole affermano che: “Spetta a ciascuna associazione membro partecipante … garantire il sesso corretto di tutti i giocatori indagando attivamente su qualsiasi deviazione percepita nella caratteristica sessuale secondaria”.

Non è chiaro il motivo per cui i giocatori svedesi sono stati sottoposti a un esame fisico quando un test del tampone orale – un modo economico e non intrusivo per raccogliere il DNA dalle cellule all’interno della guancia e determinare il sesso di una persona – è stato ampiamente utilizzato per decenni.

VIRGO FUND

PRIMO PIANO