giovedì, Giugno 20, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Le razze dal muso di mucca hanno una nuova ‘casa’ alle Bermuda

AGI – Per centinaia di anni, l’aquila di mare a macchie bianche (Aetobatus narinari) è stata considerata fino ad ora l’unica specie di razza costiera delle Bermuda. Utilizzando la collaborazione dei cittadini, fotografie, osservazioni sull’acqua e la combinazione di dati morfologici e genetici, i ricercatori dell’Harbour Branch Oceanographic Institute della Florida Atlantic University e i loro collaboratori sono i primi a fornire la prova che la razza dal naso di mucca atlantica (Rhinoptera bonasus) ha recentemente fatto ritorno alle Bermuda.

 

Poiché le razze cownose (famiglia dei Rhinopteridae) sono altamente migratorie e preferiscono i mari tropicali e temperati, sono tipicamente limitate alle piattaforme continentali. Le Bermuda, situate nella regione nordoccidentale del Mar dei Sargassi, sono separate dal continente continentale degli Stati Uniti da circa 1.000 chilometri. I risultati dello studio, pubblicati sulla rivista Frontiers in Fish Science , confermano che la specie è R. bonasus e mostrano che si tratta di una nuova migrazione delle razze cownose dell’Atlantico verso le Bermuda, un gruppo di isole oceaniche e barriere coralline di forma circolare. Attualmente, non è noto se questa specie alle Bermuda sia residente a tempo pieno o un visitatore stagionale. Sulla base delle temperature miti del mare e della lontananza delle isole, lo studio suggerisce che le razze cownose probabilmente rimarranno alle Bermuda per lunghi periodi.

 

“Non sappiamo esattamente quante razze cownose dell’Atlantico siano effettivamente presenti alle Bermuda e se si tratti di un singolo gruppo che continua a essere avvistato in varie località o se la specie sia più ampiamente distribuita negli stretti e nei porti costieri”, ha affermato Matt Ajemian, autore principale, professore associato di ricerca e direttore del Laboratorio di ecologia e conservazione della pesca presso la FAU Harbour Branch. Per lo studio, FAU Harbour Branch, in collaborazione con l’Università del Mississippi meridionale; il Dipartimento dell’Ambiente e delle Risorse Naturali, St. George, Bermuda; il Museo di Storia Naturale; l’Acquario, il Museo e lo Zoo delle Bermuda; e NOAA Fisheries, hanno raccolto informazioni recenti sulle razze cownose delle Bermuda utilizzando comunicazioni personali e informali con pescatori; fotografie di cittadini-scienziati locali e recenti osservazioni e hanno anche estratto il DNA da campioni di tessuto di cinque singole razze cownose tra il 2021 e il 2022.

 

L’emigrazione delle razze cownose lungo la costa atlantica è innescata da vari fattori che divergono tra per femmine e maschi: temperatura della superficie del mare per le femmine e giorno dell’anno per i maschi. “Sebbene tutte le razze cownose presenti alle Bermuda fino ad oggi siano femmine, abbiamo osservato anche razze piccole e immature, suggerendo che qui potrebbero essersi verificate nascite di recente – ha detto Ajemian -. Inoltre, sono stati segnalati comportamenti indicativi di copulazione, tra cui l’inseguimento ravvicinato e il morso delle pinne pettorali, che suggeriscono che nella zona siano presenti anche dei maschi”.

 

Lo studio offre anche un altro probabile meccanismo che potrebbe aver facilitato questa recente espansione delle razze cownose dell’Atlantico alle Bermuda: l’oceanografia. “È stato dimostrato che le condizioni atmosferiche, inclusi il vento e gli eventi meteorologici estremi come le tempeste, innescano comportamenti migratori anomali in altri grandi animali marini come le tartarughe marine caretta caretta”, ha affermato Ajemian. È interessante notare che, durante il periodo precedente l’espansione dei cownose alle Bermuda (inverno 2010), l’Oceano Atlantico settentrionale ha sperimentato un pronunciato spostamento verso sud dei venti occidentali che erano anche insolitamente forti e hanno influenzato le dinamiche attuali nella regione. Questa transizione ha facilitato una spinta senza precedenti di alghe Sargassum galleggianti verso l’Atlantico orientale, comprese le Bermuda.

 

“Questa anomalia climatologica e i cambiamenti oceanografici associati potrebbero aver giocato un ruolo simile nello spostamento delle razze cownose verso est dal loro areale stabilito alle Bermuda – ha spiegato Ajemian -. Un’estesa attività di tempeste tropicali si è verificata anche tra le Bermuda e gli Stati Uniti continentali negli anni precedenti al primo avvistamento dichiarato di razze cownose e avrebbe potuto spostare questi animali al largo nella Corrente del Golfo. Allo stesso modo, nel 1609, la Sea Venture, una nave a vela inglese del XVII secolo, incontrò una tempesta tropicale e fece naufragio con il suo equipaggio e i passeggeri che sbarcarono sulle disabitate Bermuda. Forse queste razze cownose dell’Atlantico hanno incontrato il maltempo proprio come ha fatto la Sea Venture e hanno trovato il loro nuovo paradiso alle Bermuda. Alla fine, non sappiamo se sia stato un singolo evento o una combinazione di condizioni a portare questi animali qui, ma in ogni caso è un viaggio incredibile!”.

 

I risultati dello studio suggeriscono che le razze cownose sono presenti alle Bermuda da più di un decennio dal 2012 e le osservazioni della specie continuano ad essere sostenute anche oggi. “Se le razze cownose continuano a sopravvivere nelle acque delle Bermuda, il basso tasso di fertilità della specie, pari a un cucciolo all’anno, limiterà la sua capacità di rapida crescita della popolazione, motivo per cui abbiamo grande bisogno di una valutazione più accurata dell’attuale dimensione della popolazione”. I ricercatori suggeriscono di raccogliere queste informazioni utilizzando rilevamenti aerei sistematici e monitorando la classe di taglia per determinare il livello di successo riproduttivo della popolazione stabilita.

 

Inoltre, la raccolta di informazioni sulla dieta aiuterà a identificare le prede con cui la specie interagisce e se qualcuna di queste è condivisa con l’aquila di mare protetta. Fortunatamente, le due specie coesistono in altre regioni, ma lo spazio è limitato alle Bermuda e quindi i ricercatori rimangono cauti nei confronti della potenziale concorrenza. “Abbiamo bisogno di ulteriori ricerche sui potenziali meccanismi che hanno facilitato l’arrivo delle razze cownose alle Bermuda, poiché ciò potrebbe rivelare se in futuro saranno possibili ulteriori introduzioni di questa specie e di altre”, ha affermato Ajemian.

 ​ Read More 

​ 

VIRGO FUND

PRIMO PIANO