domenica, Giugno 16, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Le temperature estreme aumentano il rischio di mortalità per ictus

AGI – Il caldo e il freddo estremi sono entrambi associati a un aumento del rischio di morte per ictus ischemico ed emorragico. Lo ha scoperto un nuovo studio condotto dalla Harvard TH Chan School of Public Health, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Stroke. I ricercatori hanno scoperto che il legame tra temperature estreme e mortalità per ictus era più forte nei paesi a basso reddito che in quelli ad alto reddito.

 

“I nostri risultati sono un altro passo verso la comprensione degli effetti del cambiamento climatico sull’ictus”, ha affermato l’autore principale Barrak Alahmad, ricercatore presso il Dipartimento di salute ambientale. “Man mano che le temperature diventano più estreme, prevediamo un aumento degli ictus mortali e una crescente disparità nella mortalità per ictus tra paesi ad alto e basso reddito, poiché questi ultimi probabilmente subiranno il peso maggiore del cambiamento climatico”, aggiunge. Precedenti ricerche sulla relazione tra temperature estreme e mortalità per ictus hanno prodotto risultati contrastanti o inconcludenti.

 

La maggior parte degli studi sono stati limitati a singole città o paesi, per lo più ad alto reddito, e pochi hanno differenziato tra i sottotipi di ictus. Per colmare queste lacune, i ricercatori hanno sfruttato il Multi-Country Multi-City Network, un consorzio globale di salute ambientale, per costruire un database multinazionale e multiregionale sulla mortalità per ictus ischemico ed emorragico. Il database era composto da oltre 3,4 milioni di decessi per ictus ischemico e oltre 2,4 milioni di decessi per ictus emorragico, segnalati tra il 1979 e il 2019 in 522 città in 25 paesi. Lo studio ha rilevato che per ogni 1.000 decessi per ictus ischemico o emorragico, circa 11 erano attribuibili a giornate estremamente fredde o calde. Di questi 11 decessi, il 2,5% dei giorni più freddi e quelli più caldi hanno contribuito rispettivamente a 9,1 e 2,2 decessi in eccesso. Su 1.000 ictus emorragici, il 2,5% dei giorni più freddi e quelli più caldi hanno contribuito a 11,2 e 0,7 morti in eccesso.

 

Lo studio ha anche scoperto che i paesi a basso reddito sopportano un carico maggiore di mortalità per ictus emorragico correlato al caldo rispetto ai paesi ad alto reddito e possono sostenere un peso maggiore anche di mortalità per ictus emorragico correlato al freddo (sebbene le prove fossero suggestive, non conclusive). Non è stata trovata una relazione tra il prodotto interno lordo dei paesi e il rischio di mortalità per ictus ischemico correlato alla temperatura. I ricercatori hanno ipotizzato che migliori sistemi di controllo della temperatura interna e tassi più bassi di lavoro all’aperto nei paesi ad alto reddito, così come un’assistenza sanitaria di qualità peggiore nei paesi a basso reddito, potrebbero spiegare le disparità. Hanno notato che sono necessari ulteriori studi per scoprire i fattori che determinano il maggiore onere di mortalità per ictus emorragico correlato alla temperatura nei paesi a basso reddito e identificare interventi utili.

 

I limiti dello studio includevano il fatto che era limitato nella sua portata geografica (ambienti rurali e paesi dell’Asia meridionale, Africa e Medio Oriente erano sottorappresentati) e che i dati demografici a livello individuale non erano stati raccolti o esaminati. Inoltre, lo studio si è concentrato solo sulle morti per ictus; ulteriori ricerche sull’incidenza degli ictus non fatali fornirebbero una maggiore comprensione del reale impatto della temperatura e degli ictus. “Chiediamo alle società specializzate nell’ictus di investire maggiormente in questa ricerca, soprattutto mentre il cambiamento climatico continua a intensificarsi, e di far luce sui fattori di rischio ambientali emergenti che renderanno l’ictus – già un fattore significativo di mortalità in tutto il mondo – ancora più mortale”, ha concluso Alahmad. 

 ​ Read More 

​ 

VIRGO FUND

PRIMO PIANO