mercoledì, Aprile 24, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

MACKENZIE SCOTT DONA 640 MLN DI $ A ASSOCIAZIONI LGBTQ+

L’ex moglie di Jeff Bezos nonché co-fondatrice di Amazon, MacKenzie Scott, ha annunciato la donazione della cifra record di 640 milioni di dollari a 360 organizzazioni no-profit LGBTQ+ negli Stati Uniti.

La scrittrice 53enne – che è stata sposata per 26 anni con il fondatore di Amazon Jeff Bezos (una delle persone più ricche del mondo) – è pronta a versare la maggior parte dei 640 milioni di dollari in nuove donazioni di beneficenza a organizzazioni no-profit “di sinistra” che spingono ciò che la stampa di destra descrive con rabbia come “cause di estrema sinistra”.

15 di queste organizzazioni supportano direttamente la comunità LGBTQ+. Altre 82 organizzazioni no-profit hanno ricevuto ciascuna un milione di dollari senza restrizioni da parte della Scott. La manager deciso a quali organizzazioni donare i fondi sulla base del database online Yield Giving, che documenta le sue donazioni e l’esito delle stesse. Nell’annunciare la distribuzione dei fondi, la dichiarazione della Scott descrive questi enti di beneficenza come “Agenti vitali di cambiamento. Voglio voler evidenziare il lavoro eccezionale delle organizzazioni no-profit nel promuovere le voci e le opportunità di individui e famiglie con mezzi scarsi o modesti e di gruppi che hanno incontrato discriminazioni e altri ostacoli sistemici”.

I destinatari dei fondi

Alcune delle organizzazioni di cui beneficeranno le donazioni di Scott includono EdgeNJ (servizi di supporto a coloro che vivono con l’HIV e a coloro che sono a rischio), Gender Justice (che lavora per smantellare le barriere legali, strutturali e culturali che contribuiscono alla disuguaglianza di genere) e LGBT Community Center of Greater Cleveland (uno dei centri comunitari LGBTQ+ più antichi della nazione). Parte dei fondi andranno anche a gruppi che promuovono l’energia pulita, così come ad associazioni di difesa dei detenuti e a gruppi che sostengono i diritti dei migranti, spingendo il New York Post a etichettare le sue donazioni come “filantropia woke”.

La reazione della destra

“La moglie di Bezos sta usando i profitti che ha ottenuto attraverso il capitalismo per finanziare la corda che impiccherà il capitalismo”, si è lamentato un furioso esponente della destra repubblicana, Mike Gonzalez, membro senior della conservatrice Heritage Foundation. “Queste cose per le quali sta donando soldi – che si tratti di idee transgender, aiuto ai clandestini, diritti dei prigionieri, cambiamento climatico – stanno tutte cercando di trasformare il nostro sistema lontano dal capitalismo”.

Il patrimonio di MacKenzie Scott

Nel settembre 2020, Scott è stata nominata la donna più ricca del mondo e nel dicembre dello stesso anno si stima che il suo patrimonio netto fosse salito a 62 miliardi di dollari. Tuttavia, dopo il suo divorzio, secondo il suo sito web, ha donato miliardi di dollari dei suoi accordi di divorzio a oltre 2.300 organizzazioni. A gennaio 2024, la Scott possiede una partecipazione del 4% in Amazon e il suo patrimonio netto è stimato a 40,6 miliardi di dollari.

VIRGO FUND

PRIMO PIANO