venerdì, Luglio 19, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Negli Usa la prima specie estinta dopo l’innalzamento del livello del mare

AGI – Gli Stati Uniti hanno perso l’unico esemplare del massiccio cactus arboreo di Key Largo, in quella che i ricercatori, secondo quanto riportato su Journal of the Botanical Research Institute of Texas, ritengono essere la prima estinzione locale di una specie causata dall’innalzamento del livello del mare nel Paese. Il cactus Key Largo, o Pilosocereus millspaughii, cresce ancora su alcune isole sparse dei Caraibi, tra cui il nord di Cuba e alcune parti delle Bahamas.

 

Negli Stati Uniti era limitato a un’unica popolazione nelle Florida Keys, scoperta per la prima volta nel 1992 e da allora monitorata a intermittenza. L’intrusione di acqua salata dovuta all’innalzamento dei mari, l’impoverimento del suolo a causa degli uragani e delle alte maree e i mammiferi erbivori hanno esercitato una pressione significativa sulla popolazione. Nel 2021, quello che era stato un florido popolamento di circa 150 fusti si era ridotto a sei frammenti malati, che i ricercatori hanno recuperato per coltivarli fuori sede e garantirne la sopravvivenza.

 

“Purtroppo, il cactus arboreo di Key Largo potrebbe essere un indicatore di come altre piante costiere a bassa quota risponderanno ai cambiamenti climatici”, ha dichiarato Jennifer Possley, direttore della conservazione regionale del Fairchild Tropical Botanic Garden e autrice principale di uno studio che documenta il declino della popolazione. Si sa relativamente poco dei cactus rari della Florida.

 

I ricercatori si sono inizialmente imbattuti nel cactus arboreo di Key Largo in una foresta di mangrovie isolata e per diversi anni la sua identità è rimasta incerta. I più ritenevano che si trattasse di una popolazione unica del cactus arboreo di Key Largo, Pilosocereus robinii, una specie a rischio presente in altre zone delle Florida Keys. I due cactus hanno un aspetto simile. Gli steli di entrambi si ergono perpendicolarmente al terreno e possono superare i 6 metri di altezza. Entrambi hanno fiori color crema che profumano di aglio e riflettono la luce della luna, attirando gli impollinatori pipistrelli, mentre i loro frutti rossi e viola brillanti attirano l’attenzione di uccelli e mammiferi.

 

Ma, ci sono anche differenze fondamentali, che hanno fatto sospettare ad Alan Franck, attualmente responsabile della collezione di erbari del Museo di Storia Naturale della Florida, di avere a che fare con qualcosa di unico a Key Largo. “La differenza più evidente è il ciuffo di peli lunghi e lanosi alla base dei fiori e dei frutti – ha dichiarato Franck -. La peluria è così fitta che può sembrare che il cactus sia ricoperto di neve. Le spine del cactus di Key Largo sono inoltre due volte più lunghe di quelle del cactus di Key tree”.

 

Nel 2019, Franck ha confermato che la popolazione di Key Largo era il primo e unico caso conosciuto di Pilosocereus millspaughii negli Stati Uniti. A quel punto, il Pilosocereus millspaughii stava soccombendo ad alcune delle stesse pressioni ambientali che avevano afflitto il suo parente, il Key tree cactus, nel corso dell’ultimo secolo. Quest’ultimo era un tempo comune in tutte le Florida Keys, ma il suo numero si è ridotto pericolosamente con l’aumento della popolazione.

 

Il Key tree cactus è stato inserito nell’elenco dei cactus a rischio di estinzione nel 1984, ma il suo numero ha continuato a diminuire. Tra il 1994 e il 2007 è diminuito dell’84%. I ricercatori di Fairchild hanno iniziato a monitorare annualmente tutte le popolazioni di cactus arboreo nel 2007, lavorando in tandem con i gestori dei terreni locali. Uno studio condotto da Fairchild ha dimostrato che i livelli di sale erano più alti nel suolo sotto i cactus morti rispetto a quelli vivi negli anni successivi a un evento di tempesta nelle Lower Keys, tracciando un chiaro collegamento tra la mortalità e l’aumento della salinità.

 

I ricercatori hanno anche avviato una robusta collezione di conservazione per queste specie. I cactus in vaso sono coltivati in una struttura a Coral Gables, in Florida, e i semi delle piante selvatiche e coltivate sono accuratamente conservati per la conservazione a lungo termine. Il cactus arboreo di Key Largo cresceva su un basso affioramento calcareo circondato da mangrovie vicino alla costa. In origine il sito presentava uno strato distinto di terreno e materia organica che consentiva al cactus e ad altre piante di crescere, ma le mareggiate degli uragani e le maree eccezionalmente alte hanno eroso questo materiale finché non ne è rimasto molto.

 

Le piante tolleranti al sale, che in precedenza si erano limitate ai terreni salmastri sotto le mangrovie, cominciarono lentamente a risalire l’affioramento, segno che i livelli di sale stavano aumentando. Se il tempo a disposizione fosse stato sufficiente, queste mutate condizioni avrebbero probabilmente ucciso il cactus. Ma, si sono verificati altri incidenti che hanno accelerato il passo.

 

“Abbiamo notato il primo grande problema nel 2015”, ha detto James Lange, botanico ricercatore di Fairchild e coautore dello studio. Quando lui e i suoi colleghi sono arrivati a valutare le piante quell’anno, metà dei cactus erano morti, apparentemente a causa di un’allarmante quantità di erbivori. I cactus immagazzinano riserve d’acqua nei loro steli, che permettono loro di sopravvivere per lunghi periodi senza pioggia. Questo li rende appetibili per gli animali quando le altre fonti d’acqua scarseggiano.

 

“Nel 2011 abbiamo iniziato ad assistere a inondazioni di acqua salata causate dalle maree reali”, ha affermato Lange, riferendosi alle maree oceaniche particolarmente alte. “Questo limita la quantità di acqua dolce disponibile per i piccoli mammiferi e potrebbe essere collegato al motivo per cui gli erbivori hanno preso di mira questo cactus, ma non possiamo dirlo con certezza in quanto non abbiamo mai visto un erbivoro di cactus di questo tipo nelle Lower Keys, dove le inondazioni tendono a essere meno estese”, ha continuato Lange.

 

La squadra di ricerca ha messo in funzione delle telecamere nella speranza di trovare il colpevole, ma qualunque cosa fosse non è tornata e non ci sono state prove di erbivori significativi in seguito. Tuttavia, quando il gruppo di scienziati è tornato l’anno successivo, circa un altro 50% della popolazione era morto. In risposta, il personale di Fairchild e del Dipartimento di Protezione Ambientale della Florida ha prelevato alcune talee di ciò che era rimasto per coltivarle in serra.

 

Nel 2017, l’uragano Irma, di categoria 5, ha attraversato la Florida meridionale, creando un’ondata di tempesta di 5 piedi. Il punto più alto di Key Largo è a soli 15 piedi sopra il livello del mare e ampie porzioni dell’isola rimasero allagate per giorni. Una volta passata la tempesta, la squadra di Fairchild ha condotto il triage con diverse popolazioni di cactus in tutte le Keys, rimuovendo i rami caduti sui cactus e recuperando altro materiale sfortunato. Le condizioni erano così estreme che i biologi hanno dovuto mettere a disposizione delle piscine per bambini di acqua dolce per mantenere in vita la fauna locale.

 

Ad aggravare il già degradato habitat del cactus arboreo di Key Largo, nel 2019 le maree hanno lasciato ampie porzioni dell’isola, compreso l’affioramento estremamente basso, allagate per oltre tre mesi. Nel 2021 erano rimasti solo sei fusti di cactus arboreo di Key Largo. Poiché era chiaro che la popolazione non sarebbe sopravvissuta, il gruppo di ricerca ha lasciato che le piante fiorissero e fruttificassero per il resto dell’anno, quindi ha recuperato tutto il materiale verde rimasto e lo ha ripiantato in serre o in ambienti controllati all’aperto. Al momento, i ricercatori non conoscono cactus Key Largo che crescono naturalmente negli Stati Uniti.

 

“Abbiamo progetti provvisori con il Dipartimento di Protezione Ambientale della Florida per ripiantarne alcuni in natura” ha annunciato Possley. Sforzi simili sono responsabili, in gran parte, del mantenimento del cactus Key tree in Florida. “La quantità di materiale reintrodotto di questa specie è già superiore alla quantità di materiale selvatico rimasto – ha notato Possley -. Ma questo potrebbe finire per essere più un palliativo che una soluzione”. Gli ambienti adatti ai cactus arborei stanno scomparendo insieme alle piante che li sostengono.

 

“In genere si tratta di una frangia tra le mangrovie e le amache montane, chiamata macchia spinosa, e non sono rimasti molti luoghi come quello in cui possiamo inserire popolazioni reintrodotte”, ha sottolineato Possley. Il declino del cactus arboreo di Key Largo e la necessità di rimuoverlo ha dato ai ricercatori un’idea di cosa aspettarsi in futuro, quando le specie dovranno confrontarsi con un mondo in rapido riscaldamento. Invece di un aumento regolare e prevedibile del livello del mare o del sale, la realtà del cambiamento climatico è più disordinata e si manifesta in una serie complessa di eventi correlati che mettono sotto pressione specie già stressate.

 

“Siamo in prima linea nella perdita di biodiversità – ha dichiarato George Gann, direttore esecutivo dell’Institute for Regional Conservation e coautore dello studio -. Le nostre ricerche condotte nel sud della Florida negli ultimi 25 anni dimostrano che più di una specie vegetale autoctona su quattro è criticamente minacciata di estinzione a livello regionale o è già estirpata a causa della perdita di habitat, del prelievo eccessivo, delle specie invasive e di altri fattori di degrado. Più di 50 sono già scomparse, comprese quattro estinzioni globali”, ha concluso Gann. 

 ​ Read More 

​ 

VIRGO FUND

PRIMO PIANO