domenica, Giugno 16, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Quanto sono minacciati gli animali oceanici? Ce lo svela il viaggio di una giovane balena

AGI – Il viaggio di una giovane balena, che ha attraversato il Mediterraneo, ha gettato luce sulle numerose minacce che gli animali oceanici vivono quotidianamente. Lo dimostra uno studio degli scienziati di Greenpeace e delle università di Exeter e Haifa, pubblicato su Aquatic Conservation Marine and Freshwater Ecosystems. Per lo studio, i ricercatori hanno osservato balene e delfini nel Mediterraneo orientale, al largo delle coste di Israele e hanno trovato balene dal becco di Cuvier, tursiopi e capodogli, tra cui un giovane maschio adulto precedentemente avvistato al largo della Francia meridionale.

 

La distanza che vi è tra i luoghi di avvistamento rende lo spostamento di questo giovane esemplare di balena il più ampio mai registrato nel Mediterraneo, il che indica anche che la balena ha compiuto un viaggio pericoloso. L’analisi audio fornisce un’ulteriore prova che le balene al largo della costa israeliana fanno parte di una popolazione regionale più ampia, poiché i loro vocalizzi corrispondono al “dialetto mediterraneo”. Secondo i ricercatori, i loro risultati dimostrano la necessità di una protezione mirata in luoghi chiave.

 

“La vita marina nel Mediterraneo è soggetta a numerose minacce, dalla pesca all’inquinamento, dal rumore ai colpi delle imbarcazioni – ha dichiarato Kirsten Thompson, dei Laboratori di ricerca di Greenpeace dell’Università di Exeter -. Il viaggio di questa particolare balena deve aver comportato l’attraversamento di stretti canali, come il Canale di Sicilia o lo Stretto di Messina, entrambi estremamente trafficati, rumorosi e potenzialmente pericolosi per un capodoglio che si immerge in profondità”. La balena, nota come Kim, Elia e Onda, secondo i ricercatori di diverse regioni, stava probabilmente viaggiando con altri giovani maschi, che di solito lasciano il loro gruppo di nascita in questa fase della loro vita.

 

“Il fatto che queste balene attraversino mari stretti e poco profondi significa che si potrebbero installare dispositivi di ascolto in quei punti per proteggerle. In questo modo si potrebbe creare un sistema di allarme per prevenire gli attacchi delle navi”, ha proseguito Thompson. Il Mediterraneo è il mare più trafficato del mondo, con una ricca fauna selvatica e un’elevata popolazione umana.

 

“Purtroppo, alcune specie, come queste balene già minacciate, stanno affrontando un ulteriore sviluppo industriale, con l’esplorazione di petrolio e gas e la costruzione di un nuovo gasdotto tra il bacino orientale e l’Italia. Alcuni affermano che l’ulteriore estrazione di idrocarburi è una violazione della legislazione dell’UE in materia di protezione ambientale; questa espansione non è solo negativa per i nostri futuri obiettivi climatici, ma anche per la fauna selvatica che sta già lottando in questo mare affollato”, ha aggiunto Thompson.

 

Le ricerche sulle balene e i delfini nel Mediterraneo orientale sono relativamente poche. Nello studio sono state condotte indagini visive e acustiche nei mesi di aprile e maggio 2022. I rilevamenti acustici hanno individuato: capodogli, con tre incontri, balene dal becco di Cuvier, con un incontro, tursiopi, con un incontro, e delfini non identificati, con 17 incontri.

 ​ Read More 

​ 

VIRGO FUND

PRIMO PIANO