venerdì, Maggio 24, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

QUINN È LA PRIMA PERSONA TRANSGENDER A GIOCARE AI MONDIALI DI CALCIO FEMMINILI

Quinn usa solo il suo cognome perché non si identifica né in un maschio né in una femmina. E fa la storia ai Mondiali di Calcio

Nonostante un esordio non brillante (0-0 con la Nigeria), il Canada resta tra le nazionali favorite per la vittoria finale in questi Mondiali Femminili di Calcio. Tra i titolari fissi del centrocampo canadese Quinn è uno dei pilastri della squadra. Ma ha fatto la storia senza una prestazione eccezionale nella prima partita, perché Quinn è la prima persona transgender ai Mondiali di Calcio.

Quasi tre anni fa, si è dichiarato trans e non binario, ovvero né maschio né femmina. Su Instagram, la stella del calcio canadese, 27 anni, ha scritto: “Fare coming out è dura. So che per me è qualcosa che rifarò ancora e ancora per il resto della mia vita. Essendo stato apertamente trans per molti anni Come persona che vive con le persone che amo di più, mi sono sempre chiesto quando avrei fatto coming out pubblicamente”.

In realtà, ha già partecipato ai Mondiali Femminili in Francia nel 2019, ma prima di fare coming out. Poiché il sesso assegnato alla nascita è decisivo per la divisione delle squadre maschili e femminili, secondo le regole FIFA, Quinn gioca con le donne. Inoltre, ha fatto la storia alle Olimpiadi di Tokyo vincendo la medaglia d’oro con il Canada. È stato il primo oro in assoluto per una persona apertamente transgender. In una dichiarazione all’epoca, Quinn disse: “Le ragazze trans sono state bandite dallo sport, le donne trans stanno affrontando discriminazioni e pregiudizi mentre cercano di perseguire i loro sogni olimpici. La lotta è tutt’altro che finita”.

Quinn ha rinunciato al suo nome di nascita (Rebecca) e da allora ha usato solo il suo cognome, preferendo i pronomi di genere neutro loro/loro in inglese. Inoltre, si è fatta ridurre il seno e lo mostra anche apertamente su Instagram. Il suo debutto in Coppa del Mondo ha suscitato scalpore sui social media, oltre ad alcuno commenti transfobici, in cui gli utenti si chiedevano perché qualcuno che si identifica come un uomo dovrebbe partecipare a una Coppa del Mondo Femminile. Ma Quinn non si identifica chiaramente come uomo e dopo il coming out ha sottolineato in un’intervista a News Chain che non voleva aumentare i livelli di testosterone o utilizzare altri metodi medici per la transizione durante la sua carriera.

VIRGO FUND

PRIMO PIANO