venerdì, Maggio 24, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

REGNO UNITO. UNA DONNA CHIRURGO SU TRE È STATA VITTIMA DI MOLESTIE SESSUALI

Un sondaggio pubblicato sul British Journal Of Surgery afferma che quasi una donna su tre tra i chirurghi del servizio sanitario nazionale è stata aggredita sessualmente

Secondo un sondaggio descritto come “movimento #MeToo per la chirurgia”, quasi una donna chirurgo su tre che lavora nel servizio sanitario nazionale britannico è stata aggredita sessualmente negli ultimi cinque anni. I chirurghi che hanno preso parte allo studio, pubblicato sul British Journal of Surgery e condiviso con la BBC e il Times, hanno denunciato 11 casi di stupro.

L’indagine ha rilevato che il 30% delle donne chirurgo che hanno risposto ha dichiarato di aver subito aggressioni sessuali, il 29% delle donne ha subito avance fisiche indesiderate sul lavoro, più del 40% ha ricevuto commenti non richiesti sul proprio corpo e il 38% è stata vittima di “scherzi” sessuali a livello lavorativo. Quasi il 90% delle donne ha dichiarato di aver assistito a comportamenti sessuali scorretti negli ultimi cinque anni, mentre l’81% degli uomini ha dato la stessa risposta.

Il rapporto conclude: “La cattiva condotta sessuale si verifica frequentemente e sembra non essere controllata nell’ambiente chirurgico a causa di una combinazione di una struttura profondamente gerarchica e di uno squilibrio di genere e di potere. Il risultato è un ambiente di lavoro e uno spazio non sicuro anche per i pazienti”.

Compilato dall’Università di Exeter sulla base di 1.436 risposte a un sondaggio online anonimo, lo studio è stato commissionato dal gruppo di lavoro sulla cattiva condotta sessuale in chirurgia – un gruppo di chirurghi, medici e ricercatori del servizio sanitario nazionale che affermano di “lavorare per aumentare la consapevolezza sulla cattiva condotta sessuale in chirurgia, per realizzare un cambiamento culturale e organizzativo”. Pur riconoscendo che “l’esatta prevalenza della cattiva condotta sessuale nel personale chirurgico non può essere determinata da questi dati”, gli autori hanno affermato che lo studio “fornisce una combinazione unica di informazioni supportate statisticamente. Prove solide che illustrano risultati simili attraverso analisi ponderate e non ponderate rafforzano la validità della differenza dimostrata nella realtà delle donne e degli uomini riguardo alla cattiva condotta sessuale tra colleghi”

Tamzin Cuming, chirurgo consulente che presiede il forum Women in Surgery presso il Royal College of Surgeons of England, ha affermato che il rapporto presenta “alcuni dei fatti più spaventosi mai emersi sul campo e rappresenta un momento #MeToo per la chirurgia ”. Scrivendo sul Times, ha affermato che “La nostra ricerca rivela un ambiente in cui possono verificarsi aggressioni sessuali, molestie e stupri tra il personale che lavora in chirurgia, ma consente che vengano ignorati perché il sistema protegge coloro che li praticano piuttosto che coloro che vengono colpiti. Abbiamo bisogno di un cambiamento urgente nella supervisione del modo in cui l’assistenza sanitaria indaga se stessa”. Nessuno dovrebbe aver bisogno di richiedere un codice di condotta che dica, in sostanza, ‘per favore non molestare i tuoi colleghi di lavoro o studenti’, eppure questa è una delle azioni che il nostro rapporto raccomanda. Il rapporto è misurato e le sue raccomandazioni sono realizzabili, ma ciò non dovrebbe mascherare la rabbia e la frustrazione provate da molti nella nostra professione”.

VIRGO FUND

PRIMO PIANO