domenica, Giugno 16, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Scoperto il ramo perduto del Nilo che scorreva vicino alle piramidi

AGI – Le piramidi egiziane potrebbero essere state originariamente costruite accanto a un ramo del fiume Nilo lungo 64 km, ormai sepolto da deserto e terreno agricolo. Questa l’ipotesi descritta sulla rivista Communications Earth & Environment, formulata dagli scienziati dell’Università della Carolina del Nord a Wilmington. Il team, guidato da Eman Ghoneim, ha esaminato il complesso piramidale di Giza e Lisht, realizzati circa 4.700 anni fa. Oggi ai margini dell’inospitale deserto occidentale, queste costruzioni potrebbero essere inizialmente sorte accanto a un ramo, oggi secco, del noto fiume egiziano. Le prove sedimentarie suggeriscono che il Nilo aveva una portata molto più elevata, con il fiume che si divideva in diversi rami. Era stato già ipotizzato che uno di questi rami potesse scorrere lungo le piramidi, ma finora non esistono prove a supporto di questa teoria. Il gruppo di ricerca ha esaminato le immagini satellitari per trovare la possibile ubicazione di un antico ramo del fiume che correva lungo le pendici dell’altopiano del deserto occidentale. Gli scienziati hanno anche utilizzato indagini geofisiche e carotaggi per confermare la presenza di sedimenti fluviali. Il ramo perduto, chiamato Ahramat, dal termine arabo per “piramidi”, potrebbe essersi seccato a causa di un maggiore accumulo di sabbia portata dal vento. 4.200 anni fa, in effetti, potrebbe essersi verificata una grave siccità. Gli autori ritengono inoltre che molte delle piramidi avevano strade rialzate che terminavano sulle sponde del fiume, che quindi potrebbe essere stato utilizzato per il trasporto di materiali da costruzione. Questi risultati, concludono gli scienziati, sottolineano l’importanza del fiume Nilo come arteria culturale della civiltà egizia. Allo stesso tempo, la perdita del ramo ribadisce il profondo legame tra la società umana e l’influenza dei cambiamenti ambientali. Nei prossimi step, sarà interessante valutare altri rami estinti del Nilo, per dare priorità agli scavi archeologici lungo le rive e proteggere il patrimonio culturale egiziano. 

 ​ Read More 

​ 

VIRGO FUND

PRIMO PIANO