martedì, Dicembre 5, 2023
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

SVIZZERA: STOP ALLE FOTO “SESSUALIZZATE” DELLE GINNASTE

La Federazione Svizzera di Ginnastica (SVT) dichiara guerra alle foto sessualizzate

Quando le ginnasti mostrano le loro abilità nelle competizioni, ci sono esercizi che sembrano scavalcare le leggi di gravità: capriole, oscillazioni e movimenti di equilibrio sulla trave, ma anche spaccate e straddle. Quando i fotografi immortalano tali numeri attirano involontariamente l’attenzione sull’apertura della parte inguinale, ponendola al centro della fotografia. Molte atlete si sentono a disagio con questo approccio e tali foto a volte vengono manipolate su Internet fino a diventare dei “meme” porno.

La Federazione svizzera di ginnastica (STV) ha ora pubblicato delle linee guida contro le foto sessualizzate in vista dell’ultima parte dei campionati estivi. Tra le altre indicazioni, la possibilità per le ginanste di esibirsi in completi a gamba lunga e non attilattissimic ome in passato.

L’STV ora mostra “pose complicate” stilizzate sul suo volantino, che i fotografi dovrebbero evitare. Ad esempio, “No way” è scritto accanto all’illustrazione di una ginnasta di terra con le gambe divaricate verso l’alto. Con altri, come le spaccate nel salto, si dice: “Qui dipende dall’angolo di tiro”. Di lato invece che frontalmente di solito va bene. “Volevamo inviare un segnale che non vogliamo più foto come questa”, afferma Naomi Kempter, che lavora nel dipartimento di etica della STV, “Era giunto il momento per qualcosa di simile.”

Il modo in cui i giovani atleti agonisti sono stati trattati per decenni è venuto alla luce negli ultimi anni. In molti paesi non sono stati scoperti metodi di allenamento spietati. Negli Stati Uniti, l’allenatore della nazionale Larry Nassar è stato condannato a una lunga pena detentiva nel 2017 per oltre 250 accuse di violenza sessuale. In Svizzera, nel 2020, le atlete si sono lamentati per le umiliazioni subite in un centro di allenamento.

E se i fotografi dovessero violare queste linee guida? “La Federazione non esiterà a non ammettere più queste persone come fotografi”, afferma la Kempter “Chi vuole scattare foto agli eventi dell’associazione deve essere accreditato, il che significa che i propri dati personali devono essere verificati”

Per decenni è stato dato per scontato che le ragazze facessero ginnastica in abiti attillati con gambe scollate. Gli arbitri dicevano spesso che le prestazioni potevano essere giudicate correttamente solo con abiti così attillati. Le ginnaste, alcuni delle quali si esibiscono al meglio all’età di undici o dodici anni, non prestano ancora attenzione a come possono essere percepite tali foto. Ciò cambia con l’inizio della pubertà, ma è stato a lungo pensato come qualcosa che avrebbero dovuto affrontare da sole. Anche genitori orgogliosi talvolta pubblicano foto delle loro figlie sui social media, ignari che potrebbero essere manipolate oppure interpretate male.

La Kempter ha dichiarato afferma che d’ora in poi sarà possibile indossare anche tute intere o pantaloncini corti da ginnastica. Con la linea guida per i fotografi, la Federazione ha voluto fare un ulteriore passo avanti. “Gli atleti e le atlete dovrebbero poter praticare il loro sport con disinvoltura, indipendentemente da cosa indossano o da come vengono fotografati”.

VIRGO FUND

PRIMO PIANO