domenica, Marzo 3, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

CATE BLANCHETT LANCIA “PROOF OF CONCEPT” PER CAMBIARE IL CINEMA

Un’iniziativa per dare potere alle registe donne, trans e non binarie.

Cate Blachett ha stretto una partnership con Coco Francini (co-fondatore di Dirty Films di Blanchett), e la dottoressa Stacy L. Smith (fondatrice dell’Annenberg Inclusion Initiative della University of Southern California) per il programma Proof of Concept Accelerator della USC, che mira a fornire finanziamenti e tutoraggio ai registi il ​​cui lavoro promuove la prospettiva delle donne, dei trans e delle persone non binarie.

La star premio Oscar ha raccontato a People che l’iniziativa è stata in parte ispirata da una recente esperienza avuta su un set cinematografico (senza specificare il film): “Avevo pensato, poiché le cose sono cambiate, e stiamo tutti parlando di come è cambiata l’industria, che il set su cui avrei camminato sarebbe stato diverso. Ma non era così. Non solo ero l’unica donna davanti alla telecamera, ero l’unica donna sul set! Mi sono cadute le braccia. Non ero arrabbiata, ero solo delusa”.

Ha citato i dati compilati dalla Smith e dalla Annenberg Inclusion Initiative. Nel suo rapporto annuale più recente, il think tank ha scoperto che solo il 6% dei registi in 1.600 film di maggior incasso dal 2007 al 2022 erano donne, mentre meno di un terzo di tutti i ruoli “parlanti” in quei film erano ragazze, donne, trans o caratteri non binari.

“Penso che questo sia ciò che ha motivato tutti noi a cercare di trovare un’iniziativa davvero funzionale e potenziata che possa aiutare, dal nostro punto di vista, ad affrontare le sfide che ci troviamo davanti. Questa iniziativa è davvero entusiasmante.”

Coco Francini ha affermato che il programma si concentrerà sull’affrontare tre ostacoli chiave che spesso le registe donne, trans e non binarie devono affrontare: denaro, tutoraggio e visibilità. Le candidature per il programma si apriranno a gennaio, dopodiché verranno selezionati fino a otto registi che riceveranno 50.000 dollari per finanziare un cortometraggio. Come suggerisce il nome del programma, l’idea è che questi cortometraggi serviranno come “prova di concetto” per un lungometraggio o una serie TV.

“Quando si tratta di voci spesso emarginate, le persone sentono di non sapere come difendersi finanziariamente”, ha spiegato ancora Cate Blanchett“Questo programma aiuterà le persone a capire, attraverso un cortometraggio, come potrebbe essere il loro lungometraggio. Così, quando lo portano in uno studio o in un servizio di streaming o chiunque altro, sono in grado di stabilire un budget e sanno cosa chiedere e a chi chiedere quei soldi”.

VIRGO FUND

PRIMO PIANO