venerdì, Marzo 1, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Hamas combatte Israele con armi rubate al suo esercito

AGI – Le armi usate da Hamas negli attacchi del 7 ottobre e nella guerra a Gaza provenivano da una fonte improbabile: lo stesso esercito israeliano. Funzionari dell’esercito e dell’intelligence israeliani sono giunti a questa conclusione, citata in un reportage del New York Times, dopo che per anni gli analisti hanno indicato le vie del contrabbando sotterraneo per spiegare come Hamas sia rimasto così pesantemente armato nonostante il blocco militare israeliano della Striscia di Gaza. Di recente servizi di intelligence hanno mostrato fino a che punto Hamas sia stato in grado di costruire molti dei suoi razzi e armi anticarro utilizzando le migliaia di munizioni inesplose nei bombardamenti di Israele su Gaza. Hamas sta anche armando i suoi combattenti con armi rubate dalle basi militari israeliane.

 

Le informazioni raccolte durante mesi di combattimenti hanno rivelato che, così come le autorità israeliane hanno valutato erroneamente le intenzioni di Hamas prima del 7 ottobre, hanno anche sottovalutato la sua capacità di ottenere armi. “Gli ordigni inesplosi sono la principale fonte di esplosivi per Hamas”, ha affermato Michael Cardash, ex vice capo della divisione artificieri della polizia nazionale israeliana e consulente della polizia israeliana. “Stanno tagliando bombe israeliane e proietti di artiglieria e molte vengono usate e riutilizzate per bombe e razzi”.

 

Gli esperti di armi affermano che circa il 10% delle munizioni in genere non riescono a esplodere, ma nel caso di Israele la cifra potrebbe essere più alta. L’arsenale di Israele comprende missili dell’era del Vietnam, da tempo abbandonati dagli Stati Uniti e da altre potenze militari. Il tasso di fallimento di alcuni di questi missili potrebbe raggiungere il 15%, ha detto un ufficiale dell’intelligence israeliana al New York Times. Anni di bombardamenti sporadici e il recente martellamento di Gaza hanno disseminato l’area di migliaia di tonnellate di ordigni inesplosi che aspettano solo di essere riutilizzati. Una bomba da 340 chili che non riesce a esplodere può essere trasformata in centinaia di missili o razzi.

 

I funzionari israeliani sapevano già prima degli attacchi di ottobre che Hamas avrebbe potuto recuperare alcune armi di fabbricazione israeliana, ma la portata ha sorpreso sia gli esperti di armi che i diplomatici. Le autorità israeliane sapevano anche che i loro arsenali erano vulnerabili ai furti. Un rapporto militare dell’inizio dello scorso anno rilevava che migliaia di proiettili e centinaia di armi da fuoco e granate erano stati rubati da basi scarsamente sorvegliate. Da lì, afferma il rapporto, alcune sono finite in Cisgiordania, altre a Gaza attraverso il Sinai. Ma il rapporto si concentrava sulla sicurezza militare. Le conseguenze sono state trattate quasi come un ripensamento: “Stiamo alimentando i nostri nemici con le nostre stesse armi”, si legge in una riga del rapporto, visionato dal New York Times.

 

Le conseguenze sono diventate evidenti il 7 ottobre. Alcune ore dopo che Hamas aveva sfondato il confine, quattro soldati israeliani hanno trovato appesa alla cintura di un miliziano ucciso fuori dalla base militare di Reim una granata su cui era visibile una scritta in ebraico.

VIRGO FUND

PRIMO PIANO