giovedì, Giugno 20, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

JOSH KISZKA FA COMING OUT E SI SCAGLIA CONTRO IL TENNESSEE

Il cantante dei Greta Van Fleet, Josh Kiszka ha dichiarato pubblicamente la sua omosessualità in un post apparso sui suoi social media, difendendo i diritti LGBTQ+ dalle minacce che incombono si di essi nello stato del Tennessee

I Greta Van Fleet sono uno dei più grandi fenomeni rock degli ultimi anni. Da qualcuno paragonati addirittura ai Led Zeppelin per via delle similitudini stilistiche, la band formata dai tre fratelli Kiszka (Josh, Sam e Jake, più il batterista Danny Wagner) si è rapidamente imposta nelle preferenze del grande pubblico giovanile, arrivando a vendere, dal 2018 ad oggi oltre 5 milioni di dischi solo negli Stati Uniti e altrettanti nel resto del mondo.

Il frontman Josh Kiszka ha deciso di uscire allo scoperto con un lungo post pubblicato sulle sue pagine social a cause delle sempre maggiori pressioni esercitato dallo Stato del Tennessee, dove vive, contro la comunità LGBTQ+.

“Dove ho stabilito una casa nel Tennessee, i legislatori stanno proponendo progetti di legge che minacciano la libertà dell’amore. È imperativo che io dica la mia verità non solo per me stesso, ma nella speranza di cambiare i cuori, le menti e le leggi nel Tennessee e oltre”.

“Questi problemi mi stanno particolarmente a cuore poiché ho avuto una relazione amorevole e omosessuale con il mio partner negli ultimi 8 anni. Le persone a me vicine lo sanno bene, ma per me è importante condividerlo pubblicamente”.

“Nel corso degli anni, lo manifestazioni d’amore per la comunità LGBTQ+ sono state clamorose, ma c’è ancora tanto lavoro da fare per i diritti LGBTQ+ in Tennessee, nella nazione e nel mondo”.

“La comunità LGBTQ+ è un pilastro culturale, che sostiene costantemente la positività e l’accettazione attraverso l’arte, la musica, la letteratura, i film e, soprattutto, la legge”.

“Il più grande dono terreno per tutti è la nostra capacità di amare e, mentre viaggiamo nel tempo, possa la nostra maggiore comprensione della materia intorno e dentro di noi insegnarci ad amare sempre più profondamente”.

I parlamentari del Tennessee hanno proposto solo in questo 2023 ben 27 progetti di legge volti a limitare i diritti della comunità LGBTQ+, due dei quali sono stati approvati, rendendo i membri della comunità LGBTQ+ più a rischio, in quanto più protetti dalle leggi statali sulla non discriminazione. Uno dei disegni di legge, firmato dal governatore del Tennessee Bill Lee, limita le esibizioni di drag queen, ma è stato finora bloccato da un provvedimento di un giudice federale.

“Questo è l’anno in cui le cose sono crollate nel Tennessee”, ha dichiarato Sarah Warbelow, direttrice della Human Rights Campaign“Negli anni passati abbiamo visto diverse proposte di legge anti-LGBTQ, ma quest’anno sono state introdotte prima che mai, sono più estreme e sono cresciute di numero”.



VIRGO FUND

PRIMO PIANO