venerdì, Marzo 1, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

La Gran Bretagna verso il divieto di vendita delle sigarette elettriche monouso ai minori

AGI – In Gran Bretagna il primo ministro Rishi Sunak ha annunciato il divieto delle sigarette elettroniche usa e getta, quale misura che rientra nei piani per arginare il fumo tra i giovani, motivo di allarme. “Come ogni genitore o insegnante sa, una delle tendenze più preoccupanti al momento è l’aumento dello svapo tra i bambini, e quindi dobbiamo agire prima che diventi endemico”, ha affermato il premier in una nota diramata da Downing Street. Verranno inoltre introdotte misure per impedire la commercializzazione dei vaporizzatori ai bambini e per indirizzare le vendite ai minorenni. La segretaria alla Sanità Victoria Atkins ha dichiarato alla ‘Bbc’ di essere fiduciosa che il nuovo disegno di legge venga approvato dal Parlamento entro le elezioni generali – previste per quest’anno – con l’entrata in vigore all’inizio del 2025. Una volta confermata la tempistica, ai rivenditori verranno concessi sei mesi per implementare la legge.

 

Secondo Action on Smoking and Health (Ash), in Gran Bretagna il 7,6% dei ragazzi di età compresa tra 11 e 17 anni ora svapa regolarmente o occasionalmente, rispetto al 4,1% nel 2020. Il disegno di legge potrebbe essere presentato utilizzando la legislazione esistente volta a proteggere l’ambiente. Gli attivisti sostengono da tempo che i vaporizzatori usa e getta sono uno spreco e che i materiali e le sostanze chimiche utilizzate per fabbricarli, comprese le batterie al litio, ne rendono difficile lo smaltimento in sicurezza. Le ultime modifiche introdurrebbero anche il potere di impedire la vendita di vaporizzatori ricaricabili in un aroma commercializzato per i bambini e di richiedere che siano prodotti in confezioni più semplici e meno attraenti. Il governo potrà anche imporre che i negozi espongano i vaporizzatori ricaricabili lontano dalla vista dei bambini e lontano da altri prodotti che potrebbero acquistare, come i dolci. Si svolgerà un’ulteriore consultazione pubblica per decidere quali aromi dovrebbero essere vietati e come verranno venduti i vaporizzatori ricaricabili, ha precisato il governo.

 

Tra i gusti da vaporizzare adatti ai bambini attualmente disponibili ci sono quelli ispirati a biscotti, marmellata e bevande energetiche. Per contribuire a fermare le vendite ai minorenni, verranno inoltre introdotte ulteriori multe per tutti i negozi in Inghilterra e Galles sorpresi a vendere illegalmente vaporizzatori ai bambini. In Gran Bretagna è già illegale vendere qualsiasi tipo di vaporizzatore a chiunque abbia meno di 18 anni, ma per il governo quelli di tipo usa e getta – spesso venduti in confezioni più piccole e colorate rispetto a quelli ricaricabili – sono un “motore chiave dietro l’allarmante aumento dello svapo giovanile”. Lo svapo è sostanzialmente meno dannoso del fumo, ma la pratica non è diffusa da abbastanza tempo per conoscere con precisione i suoi rischi a lungo termine, ha sottolineato il Servizio Sanitario Nazionale.

 

Il vapore inalato puo’ ancora contenere piccole quantità di sostanze chimiche presenti nelle sigarette, inclusa la nicotina, che crea dipendenza ma non è vista dal servizio sanitario nazionale come uno degli ingredienti più problematici nelle sigarette. Lo scorso anno era stata vietata la vendita di sigarette a chiunque sia nato a partire dal 1 gennaio 2009, come parte del tentativo di creare una “generazione senza fumo”. Nel resto dell’Europa, dopo la Germania e il Belgio, anche la Francia vieterà le sigarette elettroniche usa e getta a partire da quest’anno, troppo pericolose per i giovanissimi che ne fanno largo uso. 

VIRGO FUND

PRIMO PIANO