sabato, Febbraio 24, 2024
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

L’industria automobilistica investirà 20,4 miliardi di dollari in Brasile fino al 2029

AGI
– L’industria automobilistica investirà 100 miliardi di reais (circa 20,4 miliardi di dollari) in Brasile fino al 2029, principalmente nella transizione verso modelli ibridi ed elettrici, ha annunciato mercoledì il vicepresidente del Paese, Geraldo. Alckmin. 
L’importo è stato reso noto in un’intervista rilasciata dal vicepresidente e ministro dello Sviluppo, dell’Industria e del Commercio del Brasile alla radio statale dopo un incontro con i leader dell’Associazione nazionale dei costruttori di autoveicoli (Anfavea).

 

Gli investimenti raddoppiano ampiamente i dati annunciati dal governo la settimana scorsa, calcolati in 41.200 milioni di reais (8.408 milioni di dollari), dopo gli incontri che il presidente Luiz Inácio Lula da Silva ha avuto con i direttori di Volkswagen, General Motors, BYD e Stellantis.

 

Proprio il mese scorso, la Volkswagen ha annunciato che prevede di investire 16 miliardi di reais (3,2 miliardi di dollari) fino al 2028; General Motors, 7 miliardi di reais (1,4 miliardi di dollari) fino al 2028; e la cinese BYD, 3 miliardi di reais (612 milioni di dollari) fino al 2029. Ma anche la cinese Great Wall Motors (2 miliardi di dollari fino al 2032), il gruppo Stellantis (1 miliardo di dollari), la cinese Chery (900 milioni di dollari) e la giapponese Nissan (560 milioni di dollari) hanno annunciato negli ultimi mesi investimenti in Brasile (milioni di dollari).

 

“Nell’incontro che ho avuto con i rappresentanti di Anfavea è stata annunciata la previsione di investimenti per 100.000 milioni di reais nei prossimi anni, probabilmente fino al 2028 o 2029, sia in auto leggere che in autobus e camion, nonché in motori a combustione con etanolo, ibridi ed elettrici,” ha detto.

 

Secondo il vicepresidente, il valore sarà record e consentirà la costruzione di almeno quattro nuovi stabilimenti nel Paese, tra cui i primi due stabilimenti di auto elettriche in Brasile.

“Abbiamo già una fabbrica di autobus elettrici e avremo anche due fabbriche di auto elettriche, quelle dei produttori cinesi BYD e Great Wall Motors, ma ne arriveranno altre”, ha affermato.

Ha ricordato che uno dei principali vantaggi del settore automobilistico è quello di stimolare un’importante catena di produzione, poiché richiede un’ampia varietà di prodotti, come acciaio, vetro, pneumatici o pezzi di ricambio, “il che genera molta occupazione e aggiunge molto valore.”

VIRGO FUND

PRIMO PIANO